A lungo termine del testicolo sopravvissuti al cancro ad alto rischio di effetti collaterali neurologici

Giugno 1, 2016 Admin Salute 0 4
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Sopravvissuti a lungo termine di cancro ai testicoli che sono stati trattati con chemioterapia a base di cisplatino hanno avuto più gravi effetti collaterali, tra gli effetti collaterali neurologici e fenomeni Raynaud simili, rispetto agli uomini che non sono stati trattati con la chemioterapia, secondo un nuovo studio pubblicato online il 25 novembre a Journal of National Cancer Institute.

Marianne Brydшy, MD, del Dipartimento di Oncologia, Haukeland University Hospital, a Bergen, in Norvegia, e colleghi hanno condotto uno studio trasversale per valutare la prevalenza di questi effetti collaterali noti tra-lungo termine sopravvissuti al cancro del testicolo in Norvegia secondo il trattamento avevano ricevuto. Gli effetti collaterali includono neuropatia sensoriale, tinnito, disturbi dell'udito, e fenomeni di Raynaud-like (scolorimento delle mani o dei piedi sulla esposizione al freddo).

I ricercatori invitati 1.814 uomini che sono stati trattati per tumore del testicolo unilaterale durante 1980-1994 a partecipare a un sondaggio multicentrico nazionale follow-up condotto durante 1998-2002. Un totale di 1.409 partecipanti, che sono stati assegnati a tre gruppi in base alla somministrazione del cisplatino, erano valutabili in questo studio.




I ricercatori hanno scoperto che a 4-21 anni dopo l'inizio del trattamento per il cancro ai testicoli, uomini che avevano ricevuto alcun chemioterapia avevano probabilità statisticamente significativamente più elevati per aumentare la gravità di tutti i sintomi valutati rispetto agli uomini non trattati con chemioterapia. Uomini trattati anche avuto più problemi di udito, come misurato da audiometria, in particolare quelli che avevano ricevuto chemioterapia intensiva-dose.

"Un obiettivo importante nel trattamento del cancro del testicolo è di ridurre al minimo gli effetti tossici senza compromettere l'alto tasso di guarigione," scrivono gli autori. "I nostri dati favoriscono l'impiego di regimi chemioterapici contenenti 20 mg/m2 al giorno cisplatino per limitare ototossicità."

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha