A rilascio ritardato stimolanti usati nel trattamento dell'ADHD può essere meno soggetto ad abuso

Aprile 16, 2016 Admin Salute 0 0
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Un team guidato da Massachusetts General Hospital (MGH), i ricercatori ha scoperto che uno stimolante a rilascio ritardato usato per il trattamento del disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) può essere meno probabilità di essere abusato di altre sostanze stimolanti. I partecipanti allo studio che assumono dosi orali terapeutiche di Concerta, un modulo una volta al giorno del metilfenidato droga, non ha segnalato percepire e godendo gli effetti soggettivi del farmaco, caratteristiche che sono associati con un potenziale di un farmaco per abuso. La relazione appare nel numero di marzo 2006 della American Journal of Psychiatry.

"Sappiamo che i farmaci che causano euforia sono potenzialmente abusable, ed euforia richiede una rapida consegna al cervello. Usando sofisticate di imaging PET, siamo stati in grado di esaminare il tasso di consegna sia rapid- e formulazioni a rilascio ritardato del metilfenidato e correlare quelle risultati di come i farmaci ritenuto di studiare volontari ", dice Thomas Spencer, MD, del MGH Psicofarmacologia dell'Unità Pediatrica, autore principale della carta. "La capacità di mostrare che il tasso di consegna cervello può determinare il potenziale di abuso è importante per la nostra comprensione della sicurezza di diverse formulazioni."

Il metilfenidato e altri farmaci stimolanti usati per trattare l'ADHD agiscono bloccando il trasportatore della dopamina, una molecola sulle cellule cerebrali che occupa il neurotrasmettitore dopamina, aumentando il suo livello nel cervello. Gli studi hanno dimostrato che il cervello dei pazienti affetti da ADHD hanno regolazione anormale della dopamina, che svolge un ruolo chiave nel controllo del movimento, comportamento e l'attenzione. Mentre stimolanti sono efficaci per il controllo dei sintomi ADHD, i farmaci sono anche soggette ad abusi, in modo da questo studio è stato progettato per confrontare il potenziale abuso di due formulazioni di metilfenidato.




I ricercatori hanno confrontato una forma tradizionale sgancio rapido del farmaco con Concerta, una formulazione che viene rilasciato oltre 12 ore per produrre un graduale aumento nei livelli ematici. Con Concerta, il farmaco passa lentamente attraverso un foro in capsule che non si dissolvono, riducendo la possibilità che la caratteristica graduale rilascio può essere bypassato. I partecipanti allo studio hanno ricevuto i due farmaci a dosaggi destinate a produrre livelli di picco comparabili nel sangue e nel cervello.

Dodici volontari adulti, nessuna diagnosi di ADHD o disturbo neurologico o psichiatrico, sono stati assegnati in modo casuale a ricevere o il rilascio immediato o la forma a rilascio ritardato del metilfenidato su due giorni separati. PET - che ha mostrato se la molecola trasportatore della dopamina è stata occupata dal farmaco - sono state scattate il giorno prima della somministrazione di droga come una linea di base, una e tre ore dopo la prima somministrazione del farmaco e cinque e sette ore dopo una seconda somministrazione del farmaco in un giorno diverso. Durante le 10 ore dopo ogni somministrazione del farmaco, i campioni di sangue ogni ora sono stati prelevati da volontari, che ha anche completato i questionari orari per quanto riguarda se fossero a conoscenza degli effetti della droga e se hanno goduto o antipatia tali effetti.

Come previsto, la formulazione a rilascio ritardato ha preso più tempo per produrre i livelli massimi di sangue e il blocco del trasportatore della dopamina che ha fatto la droga a rilascio immediato. Mentre la maggior parte di coloro che ricevono a rilascio immediato metilfenidato riportato rilevare e godersi l'attività del farmaco, alcuni di coloro che ricevono la forma a rilascio ritardato erano a conoscenza o goduto effetti della droga.

"Le relazioni divergenti sulla sensazione e simpatia gli effetti della droga si sono verificati nonostante l'uso di grandi dosi di formulazione a rilascio ritardato e i livelli ematici e cerebrali picco equivalenti", dice Spencer. "Studi precedenti hanno dimostrato che entrambe le versioni sono efficaci per il trattamento di ADHD. Sia delayed- o formulazioni a rilascio prolungato di altri farmaci ADHD potenzialmente abusable condividono le stesse esigenze caratteristiche di sicurezza da studiare, poiché diverse forme variano nei livelli e tempi di consegna della droga. " Spencer è professore associato di psichiatria presso la Harvard Medical School.

###
(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha