Abitano a casa con demenza

Aprile 14, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

La maggior parte delle persone affette da demenza che vivono in casa hanno più bisogno di salute e benessere non soddisfatte, un numero qualsiasi di che rischi di compromettere la loro capacità di rimanere a casa per tutto il tempo che desiderano, la nuova ricerca suggerisce Johns Hopkins.

I ricercatori dicono valutazioni di routine dei bisogni dei pazienti e per la cura del caregiver accoppiato con semplici correzioni in materia di sicurezza - maniglioni in bagno, tappeti virato in modo sicuro per prevenire le cadute, pistole bloccato via - e l'assistenza medica e supporto di base potrebbe andare un lungo cammino verso mantenere quelli con demenza di finire in una struttura di cura o assistita-vivente.

"Attualmente, non possiamo curare la loro demenza, ma sappiamo che ci sono cose che, se fatto in modo sistematico, in grado di tenere le persone con demenza a casa più a lungo", dice il leader di studio Betty S. Nero, Ph.D., professore associato di psichiatria e scienze comportamentali presso la Scuola di Medicina dell'Università John Hopkins. "Ma il nostro studio mostra che senza qualche intervento, i rischi per molti può essere molto grave."




Precedenti ricerche hanno dimostrato che maggiori bisogni non soddisfatti tra le persone con demenza sono predittivi di posizionamento casa di cura e di morte. Lo stress Caregiver predice anche di casa di cura di ammissione per le persone con demenza. Il nuovo studio, descritto nel numero di dicembre del Journal of the American Geriatrics Society, trova anche la maggior parte dei caregivers hanno molteplici bisogni insoddisfatti, tra cui la mancanza di accesso alle risorse e riferimenti per sostenere i servizi e l'educazione su come migliore cura per la loro amata.

Nero dice che pagando per valutazione delle necessità e la messa in misure di sicurezza preventive posto non è sempre possibile, e programmi come Medicare non tipicamente li copre. "Se lo facessero," dice, "può essere molto più conveniente rispetto a lungo termine cure infermieristiche a domicilio."

Si stima che 5,4 milioni di persone negli Stati Uniti hanno il morbo di Alzheimer e altre forme di demenza, e il 70 per cento sono curati nella comunità da parte di familiari e amici. La maggior parte hanno da lieve a moderata demenza.

Per lo studio, il nero ei suoi colleghi eseguite a domicilio valutazioni e indagini di 254 persone con demenza di vita a casa a Baltimora e anche intervistato 246 dei loro caregivers informali, non professionisti. Essi hanno scoperto che il 99 per cento delle persone affette da demenza e il 97 per cento dei loro caregivers avuto uno o più bisogni insoddisfatti. Il novanta per cento erano connesse alla sicurezza. Più della metà dei pazienti ha avuto inadeguate attività quotidiane significative in un centro per anziani o in casa, e un terzo ancora bisogno di una valutazione demenza o diagnosi.

Bisogni insoddisfatti caddero in molte categorie, tra cui la sicurezza, la salute, le attività significative, questioni legali e pianificazione, assistenza per le attività della vita quotidiana e la gestione dei farmaci, dice nero.

Più del 60 per cento delle persone con demenza nello studio necessaria assistenza medica per le condizioni connesse o estranei alla loro demenza, un problema considerando che quelli con demenza sono più probabilità di avere altre malattie gravi che possono eventualmente essere ricoverati, sostiene Black.

"Questo alto tasso di insoddisfatta necessità medica solleva la possibilità che la cura in precedenza potrebbe prevenire ricoveri, migliorare la qualità della vita e ridurre i costi delle cure, allo stesso tempo," dice. È interessante notare che, bisogni insoddisfatti erano significativamente maggiori nei soggetti con funzioni cognitive superiori, probabilmente perché molti di loro non si rendevano conto che avevano la demenza e non erano ancora strettamente curati o controllati, dice nero.

I ricercatori hanno anche scoperto che gli afro-americani, quelli con reddito più basso, quelli che erano più indipendenti nelle loro attività di base della vita quotidiana, come essere in grado di nutrire e vestire se stessi e quelli con più sintomi di depressione avevano livelli più elevati di bisogni insoddisfatti. Caregivers con meno istruzione e più sintomi di depressione hanno anche avuto necessità significativamente più insoddisfatti. Questo suggerisce che l'identificazione e il trattamento della depressione in persone affette da demenza e dei loro assistenti può consentire loro di affrontare le loro altri bisogni insoddisfatti.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha