Aggiunta di ipilimumab per il trattamento di chemioterapia standard per il cancro del polmone in fase avanzata può migliorare la sopravvivenza

Marzo 18, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Ipilimumab usato in combinazione con paclitaxel/carboplatino per la fase IIIb/IV tumore non a piccole cellule del polmone ha mostrato risultati superiori in termini di sopravvivenza libera da progressione rispetto alla sola paclitaxel/carboplatino, secondo la ricerca presentata al 2010 Chicago Multidisciplinary Symposium in Thoracic Oncology.

Questo simposio è sponsorizzato dalla società americana per Radiation Oncology (ASTRO), l'American Society of Clinical Oncology (ASCO), l'Associazione Internazionale per lo Studio del Cancro del Polmone (ISLAC) e l'Università di Chicago.

Paclitaxel/carboplatino sono comunemente utilizzati farmaci chemioterapici nei pazienti con tumore del polmone. Ipilimumab è un anticorpo monoclonale umano che viene utilizzato per attivare il sistema immunitario. Funziona accecante e bloccando l'attività di CTLA-4, una molecola su cellule T che si pensa di svolgere un ruolo importante nel regolare le risposte immunitarie naturali, che di conseguenza sostiene una risposta immunitaria attiva quando si attaccano le cellule tumorali.




I ricercatori in questo studio randomizzato di fase II hanno cercato di determinare se l'aggiunta di ipilimumab per trattamenti per la fase IIIb/IV pazienti affetti da cancro del polmone avrebbe un impatto sopravvivenza generale e la sopravvivenza libera da progressione. Oltre 200 pazienti sono stati trattati con ipilimumab, più un calendario concomitante di paclitaxel/carboplatino, ipilimumab più un programma graduale di paclitaxel/carboplatino o paclitaxel/carboplatino da solo.

Con entrambi i programmi, con ipilimumab in combinazione con paclitaxel/carboplatino ha mostrato miglioramento progressione libera tassi di sopravvivenza rispetto a paclitaxel/carboplatino da solo. Il programma graduale ha mostrato una migliore efficacia rispetto alla programmazione concorrente, ma in nessun caso ha ipilimumab aumento paclitaxel/carboplatino tossicità correlata.

"Fase III e IV tumori polmonari spesso non vedere i risultati finali positivi, quindi c'è un sacco di spazio per migliorare le terapie per questa malattia," Thomas Lynch, MD, autore principale dello studio, un professore di medicina presso la Yale University di New Haven, Conn., e direttore del Yale Cancer Center, ha detto. "Ipilimumab è una delle poche immunoterapie che hanno mostrato risultati positivi nel trattamento di tumori polmonari, e se l'aggiunta di questa ai trattamenti standard in grado di migliorare la sopravvivenza, allora è ulteriori prove vale la pena."

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha