Analisi microevolutivi di Clostridium difficile del genomi per indagare la trasmissione

Giugno 2, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Negli ultimi anni, le infezioni da Clostridium difficile nosocomiali sono stati un problema significativo negli ospedali del Regno Unito e nel mondo. Sono stati espressi timori che le infezioni potrebbero essere causa di trasmissione tra pazienti sintomatici, direttamente o indirettamente, tramite il personale ospedaliero; Queste preoccupazioni sono state rafforzate, quando maggiore controllo delle infezioni è stato introdotto in Inghilterra nel 2007, e l'incidenza di infezione da C. difficile è diminuito. Un recente studio pubblicato sulla rivista open access Genome Biology, pubblicato da BioMed Central, ha adottato un approccio di genomica per valutare l'incidenza del paziente a paziente trasmissione di C. difficile.

Lo studio è stato sostenuto dal National Institute of Research di Oxford Research Centre Biomedical Salute - una collaborazione tra Oxford University Hospitals NHS Trust e dell'Università di Oxford.

Il team, guidato da Tim Peto e Rosalind Harding presso l'Università di Oxford, sequenziato il genoma di C. difficile isolati da 486 pazienti trattati in quattro ospedali in Oxfordshire tra il 2006 e il 2010. Contando il numero di differenze genetiche tra i diversi isolati e stima il tasso di mutazione dei batteri, i ricercatori sono stati in grado di determinare la probabile tempo in cui qualsiasi due isolati divennero geneticamente separata e quindi, se i due pazienti in questione potrebbero avere plausibilmente catturato l'infezione tra loro in ospedale. In altre parole, divergenza genetica implica una scala temporale che può essere utilizzato per valutare la probabilità di trasmissione diretta.




I risultati dello studio hanno indicato che, anche se la trasmissione tra pazienti è probabile che si verifichi, effettivamente avviene a frequenza relativamente bassa. In particolare, le preoccupazioni che i team sanitari stavano diffondendo infezione tra diversi ospedali sembrano essere fuori luogo. Un'eccezione a questa constatazione generale è che ci sono stati un gran numero di casi di infezione da un ceppo particolare che non sembrano essere state causa di trasmissione da paziente a paziente, sottolineando la natura epidemica di questo lignaggio. In particolare, questo ceppo è diminuito negli ospedali del Regno Unito negli ultimi cinque anni.

Dr Xavier Didelot, autore principale dello studio, ha detto: "Questa ricerca apre molto interessanti opportunità per una migliore comprensione di come infezioni batteriche sono diffuse, e che cosa possiamo fare per fermarli Il costo ridotto di sequenziamento interi genomi batterici significa che ora abbiamo la. La tecnologia per l'identificazione molto recenti trasmissioni di infezioni. Inoltre, siamo in grado di applicare questa tecnologia anche nei casi in cui le squadre di controllo delle infezioni non hanno alcun sospetto che possano esistere vie di contatto tra i pazienti. "

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha