Anche moderata perdita di peso può prevenire, curare apnea ostruttiva del sonno

Aprile 19, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Anche una moderata riduzione di peso può prevenire la progressione di apnea ostruttiva del sonno (OSA), e anche curarla, secondo uno studio di finitura a 4 anni di follow-up recentemente pubblicato in Medicina del Sonno. Lo studio si è concentrato sugli effetti della perdita di peso sul OSA e dimostrato, per la prima volta, che una perdita di peso duratura di appena il 5% è stato sufficiente a prevenire la malattia di peggioramento e anche curare in un lungo periodo di follow-up.

Apnea ostruttiva del sonno (OSA) è diventato un onere importante per i nostri sistemi sanitari negli ultimi anni. Anche se è una delle malattie non trasmissibili più diffuse sempre più, la stragrande maggioranza delle persone con OSA rimangono ancora non diagnosticata. OSA è stata trovata anche per essere strettamente legata ad anomalie metaboliche, in particolare il diabete di tipo 2, e la morbilità cardiovascolare. OSA è una malattia cronica e progressiva, ed è ben documentato che moderati a gravi forme di OSA sono associati ad un aumentato rischio di morbilità e mortalità cardiovascolare. L'obesità è il fattore di rischio più importante per OSA. Sulla base delle conoscenze attuali circa l'evoluzione della OSA, aumento di peso rappresenta un rischio elevato per l'ulteriore progressione della malattia verso le forme più gravi, in particolare nei pazienti che hanno già una parziale ostruzione delle loro vie aeree superiori associati con OSA lieve. Tuttavia, vi è stata una mancanza di studi ben disegnati sugli effetti della riduzione del peso su OSA. Inoltre, finora, nessuno studio si sono concentrati sulla prevenzione della progressione di OSA. Non esistono programmi nazionali di screening di OSA o prevenire la progressione della malattia, non sono tali programmi anche previsti al momento in tutto il mondo. Tuttavia, prima che i programmi su più vasta scala possono essere prese o previste anche in ambito clinico, come è stato fatto per la prevenzione del diabete di tipo 2, non vi è la necessità di prove scientifiche più affidabili.

Lo studio è stato condotto in Kuopio University Hospital, in Finlandia, in collaborazione con l'Università di Finlandia orientale tra il 2004 e il 2013. Lo studio i partecipanti erano pazienti adulti moderatamente obesi con OSA lieve. I partecipanti sono stati sottoposti sia un programma di intervento stile di vita sotto la supervisione di 12 mesi o hanno ricevuto cure standard costituito da informazioni di carattere generale verbale e scritto circa la dieta e l'attività fisica. L'ipotesi principale era che anche una moderata (5%, cioè -5kg), ma la riduzione del peso sostenuto possono conseguire un miglioramento OSA, impedendo così la progressione della malattia, quando il trattamento è iniziato nelle prime fasi di OSA.




Questo studio fornisce la prima volta la prova a lungo termine che anche una modesta riduzione di peso può portare a miglioramenti marcati di OSA e metabolismo nei pazienti in sovrappeso, e questi cambiamenti positivi sono sostenuti anche quattro anni dopo la cessazione del l'intervento attivo, e la progressione della malattia è così impedito.

(0)
(0)
Articolo successivo Pigs Bambini

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha