Anemone Tossina Arresta sperimentale di sclerosi multipla; Risultati possono portare a nuovi trattamenti per la malattia

Maggio 10, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Anemoni di mare usano il veleno per stordire la preda, ma una componente di quel veleno interrotto per - e possono invertire - la paralisi visto in una forma sperimentale di sclerosi multipla, secondo uno studio condotto da collegio di UC Irvine di Medicina e l'Università di Marsiglia, Francia.

Se i risultati condotti su ratti dimostrano efficacia negli esseri umani, che potrebbero determinare una nuova classe di trattamenti farmacologici per la sclerosi multipla, una delle più comuni malattie del sistema nervoso, noto per la sua perdita devastante e progressiva della sensazione e funzione. Lo studio appare nel 20 novembre questione degli Atti della National Academy of Sciences.

Christine Beeton e Heike Wulff, i ricercatori di fisiologia e biofisica, ei loro colleghi hanno scoperto che un componente di veleno chiamato SHK dal mare anemone Stichodactyla Caraibi blocchi Helianthus canali situati nei globuli bianchi che erano stati attivati ​​ionica per provocare una forma sperimentale di sclerosi multipla chiamata EAE. Bloccando i canali su queste cellule attivate, SHK impedito le cellule attivate di attaccare il sistema nervoso e causando la paralisi.




I globuli bianchi, noti anche come cellule T, che sono stati attivati ​​per causare MS sperimentali, contenevano insolitamente elevati numeri di un particolare canale ionico. Di solito, tali cellule impropriamente attivate sono distrutti dal timo del corpo, che regola la produzione di cellule immunitarie. Ma in molti casi di sclerosi multipla, le cellule che causano malattie scivolare attraverso e possono attaccare le cellule nervose. I canali ionici si trovano sulla superficie delle cellule e svolgono un ruolo cruciale nella comunicazione tra le cellule e regolare il comportamento cellulare.

"Questa forma sperimentale di sclerosi multipla è causata da cellule T, con un elevato numero di canali ionici uniche che possono scatenare le cellule T in neuroni attaccando e, infine, provocare la paralisi e la morte", ha detto Beeton. "I nostri esperimenti dimostrano che siamo in grado di bloccare questi canali, e solo questi canali, e proteggere i neuroni dai danni. Se questi risultati tengono dopo la prova in altri animali e persone, che possono comportare un trattamento efficace per la SM."

La sclerosi multipla è una malattia debilitante in cui le cellule T e le altre componenti del sistema immunitario attaccano letteralmente proprio sistema nervoso, causando tremori, bruciore, deprivazione sensoriale, paralisi e infine la morte. Le cellule immunitarie causa della malattia da strappare via una guaina protettiva chiamata mielina che circonda normalmente i neuroni e li aiuta a trasmettere segnali nervosi cruciali.

La malattia può colpire i giovani e gli anziani, e può richiedere anni per svilupparsi. La Multipla Nazionale Sclerosis Society stima che tra 250.000 e 350.000 persone negli Stati Uniti soffrono di sclerosi multipla. Non esiste una cura nota, anche se alcuni trattamenti possono affrontare i sintomi e anche rallentare corso della malattia, se diagnosticato precocemente.

SHK bloccato i canali ionici e si fermò l'attività distruttiva delle cellule attivate. Bloccando continuamente questi canali delle cellule T con SHK, i ricercatori hanno scoperto che potevano invertire la malattia sperimentale, anche dopo l'esordio iniziale dei sintomi. In alcuni ratti che mostravano segni di paralisi, la loro funzione è stata quasi completamente restaurato.

SHK è l'inibitore più potente nota per questi canali sulle cellule T attivate, ma la sua vita breve nel sangue riduce la sua efficacia come farmaco terapeutico.

"SHK non può durare abbastanza a lungo per prevenire o curare la malattia su una base a lungo termine", ha detto Wulff. "Ma sembra corrispondere alla struttura biochimica del canale abbastanza bene per bloccare e cambiare le risposte delle cellule T '. Il nostro gruppo è alla ricerca di sostanze chimicamente simili che durano più a lungo nel corpo."

"Questa ricerca dimostra che possiamo essere in grado di trattare efficacemente la malattia, preservando il sistema immunitario di mira uno specifico canale ionico cellulare", ha detto Beeton. "Ancora, i ricercatori dovranno scoprire quale dose lavori meglio per trattare MS, sia che si può lavorare su altre malattie e in quale fase di un trattamento di malattia dovrebbe iniziare."

Il lavoro dei ricercatori è stato sostenuto dal National Multiple Sclerosis Society, l'Associazione francese pour la Recherche sur La Sclйrose en placche, Fondation pour la Recherche Medicale e la US National Institutes of Health.

Colleghi di Beeton e Wulff di nello studio includono Michael Cahalan e George Chandy a UCI, Jocelyne Barbaria, Olivier Clot-Faybesse, Dominique Bernard e Evelyne Bйraud della Facultй de Mйdecine, Marsiglia, in Francia, e Michael Pennington di Bachem Bioscience, King of Prussia, Pa. La squadra di Bйraud presso l'Università di Marsiglia ha indotto la forma sperimentale di SM nei ratti. Michael Pennington e il suo team Bachem sintetizzati componente del veleno SHK che è stato utilizzato nello studio.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha