Antibiotici 'Last resort' uso in aumento, studio suggerisce

Maggio 30, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Uno studio di grandi dimensioni, multi-anno di uso di antibiotici in strutture per acuti del Veterans Health Administration dimostra drammaticamente aumentato uso di carbapenemi, una potente classe di antibiotici, negli ultimi cinque anni. Questi farmaci sono spesso considerati l'ultima opzione di trattamento per le infezioni gravi con agenti patogeni resistenti a più farmaci. L'aumento dell'uso carbapenemici, che è stato descritto anche in strutture non-VA negli Stati Uniti, è allarmante perché i batteri resistenti ai carbapenemi stanno diventando più comuni. L'abuso di questi farmaci potrebbe indebolire la loro efficacia, minacciando la loro efficacia contro queste e altre infezioni emergenti.

Lo studio è stato presentato 3 aprile in occasione della riunione annuale della Society for Healthcare Epidemiology of America (SHEA).

Utilizzando la somministrazione di farmaci barcode (BCMA) i dati per gli antibiotici somministrati in 110 VA cure acute strutture sanitarie 2.005-2.009, Makoto Jones, MD, e colleghi hanno identificato un trend in aumento l'uso di antibiotici ad ampio spettro. Nel periodo di cinque anni dello studio, i ricercatori hanno notato un aumento graduale dell'uso di antibiotici in generale, ma aumenta suggestivi l'uso di carbapenemi (102 per cento di aumento), vancomicina per via endovenosa (aumento del 79 per cento), e le associazioni di penicillina con beta-lattamasi-inibitori ( aumento del 41 per cento). I fluorochinoloni sono stati i farmaci più frequentemente utilizzati in tutta impianti, pari al 20 per cento di tutto l'uso di antibiotici.




"L'uso di questi antibiotici aiuta il paziente che riceve il trattamento, ma ha conseguenze future per passanti innocenti", ha detto Jones. "Quanto più si utilizzano questi farmaci, più resistenza vediamo." Inoltre, i ricercatori hanno notato che la quantità di antibiotici segnalati dalle strutture VA sembra essere simile ai dati segnalati dagli ospedali non-VA negli Stati Uniti.

L'uso di BCMA per raccogliere i dati di utilizzo di antibiotici attraverso strutture VA permesso ai ricercatori di analizzare quali antibiotici sono dato a tutti i pazienti in un dato giorno. Jones ha osservato che i dati a livello del paziente consentono potenti studi di effetti antibiotici che non sarebbe stato possibile fino ad oggi. Nel complesso, i ricercatori hanno osservato che più della metà di tutti i pazienti hanno ricevuto almeno una dose di qualsiasi antibiotico durante il loro soggiorno in ospedale, indipendentemente dalla presentazione di condizione.

"In questa epoca di microrganismi multiresistenti, i medici sono posti in una situazione difficile. Per quanto i risultati del trattamento di molte infezioni batteriche sono influenzati dai tempi di una terapia appropriata, la crescente presenza di organismi resistenti innesca utilizzo più ampio di questi potenti antibiotici per provata o infezioni sospette nel trattamento di pazienti in ospedale ", ha detto Steven Gordon, MD, presidente della SHEA. "I medici devono sempre mettere il paziente prima di decisioni di trattamento, ma dobbiamo potenziare efficaci programmi di gestione di antibiotici, di prevenzione e controllo delle infezioni sforzi, lo sviluppo di nuovi test diagnostici per facilitare decisioni migliori di trattamento e il sostegno allo sviluppo di nuovi antibiotici"

Tra le altre misure di gestione antimicrobica garantisce un uso efficace e appropriato dei farmaci che abbiamo, con particolare attenzione al miglioramento dei risultati di sicurezza e di trattamento dei pazienti, mentre rallenta la crescita della resistenza. L'uso dei dati a livello di singoli possono essere utilizzati per informare sia la scienza di base e l'attuazione di programmi di gestione antimicrobici.

"Gli studi l'uso di antibiotici negli Stati Uniti sono fondamentali per comprendere la scienza di base di come e perché la resistenza è in aumento", ha detto Gordon. "Studio Dr Jones 'è un vibrante appello per la necessità di migliori strumenti diagnostici per identificare gli agenti patogeni e di resistenza, come l'attuazione di un efficace gestione antimicrobica".

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha