Anticorpi umani che proteggono contro un'ampia varietà di virus influenzali descritto

Marzo 28, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

L'isolamento degli anticorpi nuovo ampiamente neutralizzanti, che è stato riportato sulla rivista anticipo edizione online di Science, Science Express, il 9 agosto, apre la strada per i ricercatori a sviluppare una terapia antinfluenzale a base di anticorpi-universale per l'utilizzo in caso di infezioni gravi o per proteggere il personale ospedaliero durante un'epidemia. È importante sottolineare che questi anticorpi possono fornire indizi fondamentali per la progettazione di un vaccino antinfluenzale universale attiva - progettato per proteggere a lungo termine contro i virus influenzali, non solo contro i ceppi della stagione in corso.

"Per sviluppare un vaccino contro l'influenza veramente universale o la terapia, bisogna essere in grado di fornire una protezione contro i virus dell'influenza A e dell'influenza B, e con questa relazione ora abbiamo ampiamente anticorpi neutralizzanti contro entrambi," ha detto Ian A. Wilson, il professor Hansen di Biologia Strutturale presso Scripps Research, che è stato ricercatore senior per il nuovo studio con di Crucell Jaap Goudsmit e Robert Friesen.




Uno degli anticorpi scoperti vengano di particolare interesse per i ricercatori di influenza, perché sembra proteggere contro essenzialmente tutti l'influenza B e influenza ceppi A. "E 'l'unico al mondo che sappiamo di che è stato trovato per fare questo", ha detto Wilson.

Stai cercando gli Missing Pieces

I virus dell'influenza B sono considerati meno pericolosi di virus dell'influenza A, e sono stati meno intensamente studiate perché hanno meno capacità di mutare in ceppi pandemici mortali. Tuttavia, i virus dell'influenza B rappresentano una parte significativa del carico annuale influenza malattia negli esseri umani.

Per trovare anticorpi ampiamente protettivi contro l'influenza B, il team di Crucell ha generato una grande collezione di anticorpi influenzali dalle cellule immunitarie di volontari che erano stati dati un vaccino contro l'influenza stagionale. I ricercatori hanno poi proiettato questa collezione per gli anticorpi che potrebbero legarsi a una vasta gamma di ceppi di influenza B.

Tre degli anticorpi che hanno trovato in questo modo - CR8033, CR8071, CR9114 e - protetto contro i topi dosi normalmente letali dei due principali ceppi di influenza B. CR9114 inoltre protetto i topi contro i virus dell'influenza A, tra cui il sottotipo H1N1 che ha ucciso circa 17.000 persone in una pandemia del 2009. Il fatto che questi anticorpi protetti contro una varietà di ceppi influenzali suggerito segnano siti funzionalmente importanti, o "epitopi", a virus che sono relativamente immutabile (conservato) da un ceppo influenzale all'altro.

La squadra di Wilson al Scripps Research caratterizzato siti di legame degli anticorpi di recente scoperta "sul virus influenzali usando la microscopia elettronica e tecniche di cristallografia a raggi X. Essi hanno scoperto che CR8033 si lega ad un epitopo altamente conservato - un sito funzionalmente importante - sulla "testa" della proteina emoagglutinina, una struttura che borchie il cappotto esterno di virus influenzali e consente ai virus di aderire alle cellule vulnerabili. CR8071 lega alla base della testa emoagglutinina. La maggior parte degli anticorpi che si legano alla testa emoagglutinina e neutralizzano l'influenza fanno bloccando l'attaccamento del virus alle cellule ospiti.

"L'unica cosa di questi due anticorpi che neutralizzano i virus influenzali soprattutto impedendo particelle virali di uscire cellule infettate," ha detto Nick Laursen, un socio di ricerca nel laboratorio di Wilson che era un autore principale dello studio.

Un punto debole sul virus

Anticorpo CR9114 si è rivelato di legarsi a un sito sullo stelo emoagglutinina. "Previene la proteina emoagglutinina dal subire la forma-cambiamento necessario per il virus di fondersi alla membrana esterna di una cellula ospite," ha dichiarato Cyrille Dreyfus, un laboratorio di ricerca socio Wilson che era anche un autore principale dello studio. "Questo sembra essere un vero punto debole del virus, perché questo epitopo è altamente conservata tra sottotipi di influenza A e influenza B."

Wilson osserva che in uno studio pubblicato nel 2009 il suo laboratorio ha determinato la struttura di un altro anticorpo Crucell che neutralizza in generale i virus influenzali A legandosi alla sostanzialmente lo stesso sito sul gambo emoagglutinina - ma in un modo leggermente diverso, in modo che non riesce a ottenere una presa sul virus dell'influenza B, anche. "Con qualche ritocco dei domini di legame che di anticorpi, avremmo potuto essere in grado di ottenere un effetto più ampio come CR9114", ha dichiarato Wilson.

L'epitopo virale che si lega CR9114 verrà ora studiato estesamente dai ricercatori come un bersaglio per i vaccini e terapie, perché è l'unico trovato finora che è sostanzialmente vulnerabile a neutralizzazione sia virus dell'influenza A e B.

Sorprendentemente, CR9114 eseguito male contro i virus influenzali B nei test di laboratorio-piatto iniziali noti come saggi microneutralizzazione, che mettono alla prova la capacità di un anticorpo per proteggere le cellule dall'infezione virale. Eppure CR9114 era chiaramente efficace in condizioni più realistiche nei topi, anche a basse dosi. Perché attacca il gambo piuttosto che la testa di emoagglutinine di virus dell'influenza, CR9114 riuscito anche a mostrare gli effetti in un test diffuso nota come il saggio emoagglutinina-inibizione.

"Mentre ci muoviamo verso la progettazione di un vaccino antinfluenzale universale, abbiamo bisogno di trovare saggi più inclusive a schermo per gli anticorpi, come CR9114, che possono essere molto efficaci, ma hanno che non possono essere rilevati con i metodi attuali utilizzati nel vaccino influenzale nuovi meccanismi di neutralizzazione sviluppo ", ha detto Goudsmit.

Il supporto per la ricerca è stato fornito da un certo numero di fonti, tra cui l'Istituto Nazionale di Protein Structure Initiative scienze mediche generali "(U54 GM094586), il National Institutes of Centro Nazionale di Sanità per le risorse di ricerca (P41 RR017573), e il Dipartimento dell'Energia degli Stati Uniti ( contrarre DE-AC02-06CH11357).

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha