Anticorpo combinata con risultati di statine in un'ulteriore riduzione dei livelli di colesterolo

Giugno 5, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Tra i pazienti con colesterolo alto in terapia con statine moderata o alta intensità, l'aggiunta dell'anticorpo monoclonale umano evolocumab comportato un ulteriore abbassamento del colesterolo lipoproteine ​​a bassa densità (LDL-C) i livelli, secondo uno studio del 14 maggio questione della JAMA.

Molti pazienti trattati con moderata o alta intensità terapia con statine sono in grado di raggiungere gli obiettivi raccomandati LDL-C, ed è stato raccomandato considerazione della terapia non-statine per abbassare ulteriore LDL-C. In fase 2 studi, l'uso evolocumab è stata associata con ridotti livelli di colesterolo LDL in pazienti in terapia con statine, in base alle informazioni in questo articolo.

Jennifer G. Robinson, MD, MPH, della University of Iowa, Iowa City, e colleghi hanno condotto uno studio di fase 3 (LAPLACE-2), in cui i pazienti sono stati assegnati a 1 su 24 gruppi di trattamento in due fasi. Inizialmente, i pazienti (n = 2.067) sono stati assegnati in modo casuale ad una, statina al giorno di moderata intensità (atorvastatina [10 mg], simvastatina [40 mg], o rosuvastatina [5 mg]); o statine ad alta intensità (atorvastatina [80 mg], rosuvastatina [40 mg]). Dopo quattro settimane, pur continuando la terapia con statine, i pazienti (n = 1.899) sono stati poi assegnati in modo casuale a confrontare l'effetto di evolocumab (140 mg ogni 2 settimane o 420 mg al mese) con il placebo (ogni 2 settimane o mensile) o ezetimibe (10 mg o placebo al giorno, i pazienti atorvastatina solo, un farmaco usato per trattare statine colesterolo alto). Lo studio è stato condotto in 198 siti in 17 paesi.




Rispetto al placebo, evolocumab prodotto riduzioni cento clinicamente equivalenti a livelli di LDL-C quando somministrato ogni 2 settimane (66 per cento al 75 per cento) e mensili (63 per cento al 75 per cento) quando aggiunto a moderata o ad alta intensità della terapia con statine. La LDL-C ulteriore abbassamento visto con evolocumab era maggiore di quella osservata (riduzione fino al 24 per cento), con ezetimibe.

Evolocumab è stato ben tollerato, con tassi comparabili di eventi avversi rispetto al placebo e ezetimibe durante il periodo di trattamento di 12 settimane.

"LAPLACE-2 è a nostra conoscenza il primo studio a dimostrare che l'aggiunta di risultati evolocumab a riduzioni percentuali simili in LDL-C e ha raggiunto livelli di LDL-C indipendentemente dal tipo stabile base di statine, dosaggio, o intensità, su 3 statine comunemente prescritti e una vasta gamma di dosi, "scrivono gli autori.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha