Anticorpo potrebbe essere utilizzato per indirizzare proteine, spettacoli studio causano tumori

Maggio 13, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Cincinnati Cancer Center (CCC) e l'Università di Cincinnati ricercatori (UC) Cancer Institute hanno scoperto in uno studio di fase 1 che i pazienti con melanoma avanzato e tumore del rene che sono stati trattati con una certa anticorpi che gli obiettivi di una proteina-tumore aumentando era al sicuro, che potrebbe portare a ulteriori opzioni di trattamento per i pazienti.

Lo studio è pubblicato nel numero di marzo 11 PLoS ONE, un accesso aperto pubblicazione online di peer-reviewed.

Principal Investigator John Morris, MD, clinica co-leader del Programma Therapeutics molecolari e diagnosi per il CCC, co-leader del Comprehensive Lung Cancer Program del Cancer Institute UC, professore nella divisione di ematologia oncologia presso la UC College of Medicine e UC Salute oncologo medico, dice che questo studio getta luce su una terapia che potrebbe essere usato da solo o in combinazione per aiutare i pazienti con un certo numero di tumori.




"Fattore di crescita trasformante-beta (TGFβ) è una proteina che aiuta le cellule mantengono le loro funzioni, dalla formazione di transizione fino alla morte", dice Morris. "All'inizio della transizione dei tumori da premalignancy a malignità, TGFβ può sopprimere la crescita delle cellule, tuttavia, in tumori avanzati, questi effetti sono in genere perduti, e TGFβ promuoverà direttamente la crescita e la diffusione dei tumori.

"Cambiamenti cellulari TGFβ-causato sono stati descritti in molti modelli diversi di tumore e sembrano essere importanti per causare la migrazione delle cellule e promuovere la diffusione del cancro. Aumento TGFβ è stata riportata in molti tipi di cancro, tra cui diversi della prostata, della mammella, del polmone, del pancreas, del rene, o reni, fegato e più, ed elevati livelli plasmatici TGFβ correlano con stadio tumorale avanzato, metastasi e sopravvivenza poveri. Detto questo i dati, la proteina viene esaminato per i potenziali bersagli terapeutici. "

Egli aggiunge che in modelli preclinici, utilizzando anticorpi o recettori che ostacolano TGFβ hanno dimostrato attività antitumorale.

"In modelli animali, effetti anti-TGFβ combinate con varie chemioterapie, radiazioni o altri trattamenti biologici connessi, compresi i vaccini, sono stati segnalati per migliorare il trattamento sia di malattia primaria e metastatica", dice Morris. "GC1008, o Fresolimumab, è un anticorpo umano che neutralizza le forme attive di TGFβ umana.

"GC1008 è stato studiato come trattamento per il cancro e le malattie fibrotiche. Abbiamo voluto testare la sicurezza di questo trattamento a dosi ripetute per i pazienti con melanoma maligno (cancro della pelle) e carcinoma a cellule renali (cancro del rene)."

Nello studio, che è stato condotto presso il National Cancer Institute e un certo numero di centri di cancro negli Stati Uniti, i pazienti con melanoma maligno trattati in precedenza o carcinoma a cellule renali ricevuti GC1008 per via endovenosa a dosi variabili. I pazienti che sono stati stabilizzati, senza progressione del tumore, erano idonei a ricevere un trattamento prolungato che consiste di quattro dosi di GC1008 ogni due settimane per un massimo di due turni supplementari.

Sono state effettuate le valutazioni di farmacocinetica ed esplorativi biomarker.

"Ventinove pazienti, 28 con melanoma maligno e uno con carcinoma a cellule renali, sono stati arruolati e trattati con 22 nella porzione dose escalation e sette in un braccio di coorte di sicurezza, con una dose costante erogata", dice Morris. "Non è stata osservata tossicità dose-limitante, e la dose massima, 15 mg/kg, è stato determinato per essere sicuri."

Egli aggiunge che quattro pazienti ha sviluppato reversibili carcinomi a cellule squamose (un tipo di cancro della pelle), un paziente melanoma maligno sperimentato una risposta positiva parziale trattamento e sei avevano malattia stabile con una sopravvivenza libera da progressione di 24 settimane.

"GC1008 ha mostrato un profilo di sicurezza accettabile quando somministrato fino a 15 mg/kg ogni due settimane", dice Morris. "Questa prova preliminare di attività antitumorale indica che ulteriori studi sono necessari per determinare l'efficacia e la sicurezza di solo e in combinazione con altri trattamenti GC1008, nonché definire la dose e risposta."

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha