Antidepressivi Potenzialmente abusato nel trattamento di adolescenti, Stanford studio trova

Maggio 11, 2016 Admin Salute 0 7
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Quando la US Food and Drug Administration ha dichiarato nel 2004 che alcuni antidepressivi sono legati a un aumento del rischio di suicidio negli adolescenti, si è sorprendentemente pochi dati su come la depressione era in cura in pazienti giovani. Ora una nuova ricerca della Scuola di Medicina dell'Università di Stanford fornisce documentazione critica del potenziale abuso di questi farmaci negli anni che hanno preceduto la decisione della FDA di emettere i cosiddetti avvertimenti "black-box".

I ricercatori hanno scoperto che, nonostante le linee guida cliniche che richiedono gli adolescenti depressi di essere trattati con una combinazione di psicoterapia e farmaci, antidepressivi cominciarono soppiantando - anziché integrare - il ruolo di consulenza per la salute mentale tra il 1995 e il 2002. E anche se una sola antidepressivo è stato sanzionato per l'uso nei bambini, lo studio ha rilevato che i medici sono stati prescrivere una varietà di farmaci che alterano l'umore per i giovani pazienti.

I ricercatori sperano che le loro scoperte forniscono un punto di riferimento per valutare come la decisione del 2004 riguarda il trattamento della depressione nei bambini, mentre rafforzano che gli antidepressivi possono essere uno strumento valido trattamento se utilizzato in modo appropriato.




"Non stiamo dicendo che i medici dovrebbero evitare di prescrivere antidepressivi per i bambini, ma stiamo sottolineando il potenziale per l'uso inadeguato di antidepressivi", ha detto Jun Ma, MD, PhD, ricercatore associato presso la Stanford Prevention Research Center e autore principale dello studio che apparirà nel numero di dicembre del Journal of Adolescent Health. "Se utilizzato come parte di un regime di trattamento completo, gli antidepressivi sono di grande beneficio per i singoli pazienti e per la società nel suo complesso."

Lo studio viene in mezzo continua polemica sul modo migliore per curare la depressione nei bambini. La depressione colpisce tra il 2 e l'8 per cento dei bambini e degli adolescenti ed è un importante fattore di rischio per il suicidio - la terza principale causa di morte tra gli adolescenti americani. Ma ha osservato che fino ai primi anni 1980 ci sono stati pochi farmaci efficaci per curare la condizione in pazienti giovani.

Lo sviluppo di nuovi farmaci antidepressivi, in particolare una classe nota come inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina o SSRI, speranza offerta, ma solo uno è stato dimostrato sicuro nei bambini. Ad oggi, la FDA ha approvato solo fluoxetina, un SSRI meglio conosciuto come il Prozac, per i pazienti di età inferiore ai 18 anni la prescrizione di qualsiasi altro antidepressivo per i bambini è considerato l'uso "off-label" del farmaco. Tuttavia, poiché circa il 40 per cento dei pazienti non sono pienamente rispondente alle fluoxetina, i medici spesso cercano altri farmaci per i pazienti.

Negli ultimi anni, sono state espresse preoccupazioni che alcuni dei più recenti SSRI accresciuto il rischio di suicidio tra i pazienti giovani, e nel mese di ottobre 2004, i produttori FDA richieste di tutti gli antidepressivi di includere un avvertimento "black-box" - il tipo più grave di avvertimento su farmaci da prescrizione - che descrive l'aumento del rischio di suicidio tra gli adolescenti che assumono tali farmaci.

Linee Guida emanate dalla American Academy of Child and Adolescent Psychiatry invito per la psicoterapia come trattamento di prima linea per i bambini e gli adolescenti depressi. Per le forme più gravi della malattia mentale, le linee guida raccomandano una combinazione di psicoterapia e farmaci in modo che gli operatori sanitari in grado di monitorare gli effetti del farmaco.

Ma e autore senior Randall Stafford, MD, PhD, professore associato di medicina presso il Centro Ricerche di prevenzione Stanford, sono interessati a una ricerca che esamina come i medici modificano le loro pratiche in risposta alle linee guida professionali e di prove generate da studi clinici. Rendendosi conto che le azioni della FDA sarebbe probabilmente modificare il trattamento della depressione negli adolescenti, hanno iniziato a cercare i dati che potrebbero dare loro una misura di base. Hanno scoperto c'era poco i dati disponibili, in modo che ha iniziato a lavorare per accumulare il benchmark stessi.

Per fare questo, hanno usato due banche dati nazionali che monitorati visite ambulatoriali agli ospedali e studi medici tra il 1995 e il 2002, e quindi valutati il ​​numero di visite per i pazienti di età compresa tra 7 e 17 che sono stati diagnosticati con la depressione tra.

I ricercatori hanno scoperto un aumento più che raddoppiato il numero di visite associati a depressione adolescenziale durante questi sette anni, passando da 1,4 milioni di visite nel 1995 a 3,2 milioni nel 2002. "Questo cambiamento è un potenziale positivo, perché la depressione storicamente è stata sottodiagnosticata nei bambini e adolescenti, "Ma ha detto.

Ma lo studio ha anche mostrato che l'uso della psicoterapia è scesa dal 83 per cento delle visite nel 1995 al 68 per cento nel 2002. Nel frattempo, l'uso di farmaci è passata dal 47 per cento del 1995 al 52 per cento nel 2002. "Il modello di mirroring di questi due tipi di trattamento suggerisce che la farmacoterapia è sempre più utilizzato come sostituto, piuttosto che un complemento, per la psicoterapia ", Stafford ha detto.

Anche se la variazione percentuale nei bambini che ricevevano il farmaco potrebbe non sembrare significativo, Stafford ha aggiunto che con la crescente diagnosi di depressione nei bambini, il numero utilizzando antidepressivi è più che raddoppiato. Cosa c'è di più, i ricercatori hanno scoperto che tra il 42 e il 52 per cento delle visite associati con i farmaci non ha incluso la consulenza.

Essi hanno anche studiato i tipi di farmaci prescritti per questi pazienti. SSRI rappresentavano il 76 per cento degli antidepressivi prescritti per gli adolescenti, nel 1995, in leggero aumento al 81 per cento nel 2002. Anche se la fluoxetina è rimasto l'antidepressivo più prescritto, la sua quota di utilizzo SSRI ristretto come farmaci nuovi arrivati ​​sul mercato. Nel 1995, le prescrizioni fluoxetina rappresentavano il 41 per cento delle prescrizioni SSRI per gli adolescenti, ma è sceso al 31 per cento nel 2002.

Anche se gli studi clinici sono in corso per valutare la sicurezza degli altri SSRI nei bambini e negli adolescenti, poco dei dati è stato pubblicato. Ma e Stafford ha detto questo significa che quando una diagnosi indica un giovane paziente ha bisogno di un antidepressivo, i medici dovrebbero provare prima fluoxetina.

I ricercatori hanno in programma di rivedere la questione in pochi anni per determinare come il trattamento della depressione adolescenziale è cambiato da quando le azioni della FDA. Esistono già alcune prove di uno spostamento. A settembre 2005 rapporto della American Psychiatric Association ha indicato che le prescrizioni per farmaci antidepressivi per i pazienti di età inferiore ai 18 è sceso di quasi il 20 per cento sulla scia delle avvertenze FDA.

"Saremo interessati a valutare se diminuzioni prescrizioni si sono verificati in modo selettivo - che è, tra i pazienti in cui le indicazioni per l'uso sono meno chiaro - o se i medici hanno iniziato a trattenere antidepressivi in ​​situazioni in cui il bisogno è più definita," ha detto Ma .

###
(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha