Antisenso promettente trattamento per i tumori cerebrali Deadly

Marzo 28, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I ricercatori del Jefferson Medical College hanno utilizzato la terapia DNA noto come antisenso per il trattamento di pazienti con tumori cerebrali di solito fatali. La maggior parte dei pazienti trattati fino ad oggi hanno avuto risposte parziali, e uno ha addirittura recuperato abbastanza bene per prendere il golf di nuovo. Mentre la maggior parte hanno una recidiva in quanto il loro trattamento iniziale, i medici sperano terapia alla fine sarà ulteriormente sviluppato e contribuire a fornire ai pazienti una migliore qualità della vita.

David W. Andrews, MD, professore associato di neurochirurgia; Renato Baserga, MD, illustre professore di microbiologia e immunologia e vice direttore del Kimmel Cancer Center di Jefferson; Robert Aiken, MD, professore associato di neurologia, il tutto a Jefferson Medical College della Thomas Jefferson University di Philadelphia e dei loro colleghi trattati 12 pazienti che avevano o glioblastoma o astrocitoma anaplastico, entrambi i tumori cerebrali mortali, e che aveva fallito la terapia preventiva. In uno studio di fase I, che è stato progettato solo per rispondere alle domande di sicurezza dei farmaci, otto pazienti (tre sono stati trattati due volte) inaspettatamente migliorata, cioè una parte del loro tumore si è ridotto in termini di dimensioni, tra cui due pazienti i cui tumori temporaneamente "scomparsi".

La terapia comporta utilizzando antisenso contro il tipo 1 insulino-like growth factor receptor, o IGF-1R, causando una morte biologicamente programmata delle cellule tumorali da un processo chiamato apoptosi e allo stesso tempo mescolando il sistema immunitario all'azione. IGF-1R gioca un ruolo nella proliferazione delle cellule, inviando un segnale per la crescita, la differenziazione, proliferazione e protezione contro apoptosi. "L'osservazione è davvero notevole e molto inaspettato," dice il Dott Baserga, che ha aperto la strada gran parte della scienza di base conosciuto circa il ruolo di IGF-1R nello sviluppo del cancro e come un potenziale bersaglio farmaco antitumorale per le aziende farmaceutiche. "E 'un uno-due. Sapevamo che il recettore IGF induce apoptosi, ma inaspettatamente, ha anche indotto una risposta immunitaria che rafforza l'uccisione delle cellule tumorali."




I risultati dello studio appaiono 15 aprile del Journal of Clinical Oncology. "Questo trattamento ha il potenziale per poi essere utilizzato per altri tipi di cancro", dice il dottor Andrews.

Ma non ancora. Nonostante i risultati promettenti, il lavoro, per ora, è in attesa. La Food and Drug Administration ha richiesto ulteriori dati preclinici. Inoltre, gli scienziati sono frustrati dalla mancanza di disposizione antisenso, che devono essere prodotti secondo rigorosi standard FDA. Nello studio, Dr. Andrews rimosso tumore di ciascun paziente, fatta una sospensione di cellule tumorali, e poi trattata all'esterno del corpo con antisenso per IGF-1R. Ha poi impiantato cellule trattate, ora incapsulati in speciali "diffusione" camere, in addome del paziente per 24 ore, permettendo al antisenso per uccidere le cellule tumorali attraverso apoptosi.

Non è chiaro esattamente come funziona la risposta dell'ospite. "Pensiamo che quando le cellule muoiono, rilasciano fattori, forse piccoli peptidi, che sono direttamente citotossici al tumore e allo stesso tempo, può essere immunogenico", afferma Dr Andrews. "Abbiamo prove che nel tempo, una risposta immunitaria cellulare delle cellule T può essere generato". "Non è del tutto immunologica", afferma Dr Aiken. "Sappiamo che c'è una reazione immediata morte cellulare programmata nelle camere. Quando abbiamo messo la camera in addome, le cellule trattate sono in qualche modo trasportati al cervello e il glioblastoma. Ha un effetto specifico, ma non ha dato al sito del tumore. " Alcuni pazienti hanno avuto effetti collaterali curabili come la trombosi venosa profonda.

La terapia antisenso è creato per identificare e disattivare i geni mutati che causano il cancro. Farmaci DNA antisenso funzionano legandosi ai messaggi di RNA di geni malattia in modo che il codice genetico del RNA non può essere letto. In contrasto con l'approccio shotgun della chemioterapia, che uccide entrambe le cellule normali e tumorali, antisenso attacca esclusivamente le cellule tumorali. Quando il meccanismo di traduzione gene è spento, le cellule non possono più rendere i prodotti proteici che causano la malattia.

Se il processo per questa terapia finalmente riapre, i ricercatori possono continuare la strategia antisenso IGF-1R come trattamento dopo terapie tradizionali falliscono. Sperano di aprire anche nuove prove in cui l'antisenso IGF-1R è data come trattamento iniziale al momento della diagnosi.

La tecnologia è stata testata su topi da laboratorio, sia con un sistema immunitario intatto e su quelli che mancano il sistema immunitario, con risultati positivi, dicono i ricercatori. La tecnologia può essere applicata ad altri tipi di cancro, come prostata, della mammella, del polmone e melanoma. Nessuno è andato a studi clinici per i tumori ancora, però.

"L'unico modo per fare progressi contro questa malattia mortale è provare un nuovo paradigma,"

Dr. Aiken dice. "E 'una cosa per il trattamento di tumori ratto, ma un altro per il trattamento di persone molto malate. Noi vogliamo non solo per migliorare la qualità della vita del paziente, vogliamo effettuare una cura."

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha