Approccio non-antibiotico per il trattamento delle infezioni del tratto urinario

Giugno 15, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Battere Ernst e colleghi spiegano che gli antibiotici sono il trattamento cardine per infezioni del tratto urinario. Batteri, tuttavia, stanno sviluppando resistenza agli antibiotici comuni, con la nascita di "superbatteri" che ignorare parte dei nuovi più potenti antibiotici. Così, gli scienziati hanno deciso di provare un nuovo approccio - sviluppare sostanze che colpiscono batteri fattori di virulenza, li inibendo attacchino all'interno della vescica urinaria. Quindi, microbi non sono in grado di lanciare un infezione e inoltre questa nuova classe di antimicrobici dovrebbe esibire meno pressione selettiva e, di conseguenza, un potenziale ridotto per la comparsa di resistenza.

Gli scienziati descrivono lo sviluppo di molecole anti-adesione che specificamente interferiscono con il collegamento dei batteri alle cellule della vescica umane. La più potente delle sostanze, una mannoside indolinylphenyl, impedito una UTI di sviluppare nei topi (stand-in per gli esseri umani in questo tipo di esperimento) per più di otto ore. Nello studio di trattamento in vivo, una dose molto bassa di 25 ug per topo riduce la quantità di batteri nella vescica degli animali di quasi 10.000 volte, che è paragonabile al trattamento antibiotico standard ciprofloxacina.




(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha