Approccio radicale al di resincronizzazione cardiaca mostra la promessa

Maggio 5, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Correggere i tempi di contrazioni del cuore attraverso la terapia di resincronizzazione cardiaca può essere un salvagente per le persone con insufficienza cardiaca avanzata. Ma la procedura, come viene fatto oggi, non riesce a circa il 15 percento dei pazienti.

Utilizzando un approccio mini-invasivo che può spaventare gli specialisti del cuore, un ricercatore medico-studente ha sviluppato una tecnica che, almeno nei suini-supera principali carenze della procedura. Steven Mickelsen, uno studente di medicina al terzo anno presso l'Università del New Mexico School of Medicine, ha eseguito la ricerca nel corso di un anno di distanza dalla scuola di medicina di studioso Howard Hughes Medical Institute-National Institutes of Health di ricerca presso il National Heart, Lung, e Blood Institute.

La corretta temporizzazione dell'azione di pompaggio tra le camere inferiori del cuore, che inviano il sangue ai polmoni e il resto del corpo, è importante per il cuore di lavorare efficacemente. Quando questa tempistica va storto nei pazienti con insufficienza cardiaca, l'impianto di un dispositivo di risincronizzazione cardiaca può aiutare.




Un passo fondamentale nella terapia di risincronizzazione cardiaca è la collocazione di lead-sottili fili che risincronizzare il battito dei ventricoli destro e sinistro-sul cuore stesso. L'approccio standard per guidare il posizionamento sul ventricolo sinistro è attraverso il vaso sanguigno sulla superficie del cuore, che è tecnicamente difficile in alcuni pazienti e limiti portano posizionamento per cui i vasi sanguigni sono. Un numero consistente di cavi cardiaci non riescono a lavorare perché sono posizionati male, o diventano sloggiato. Quando il posizionamento di piombo non riesce, il passo successivo più comune è la chirurgia a torace aperto per posizionare il un lead-procedura invasiva che richiede un chirurgo e anestesia generale.

Sotto la guida del Elliot McVeigh del Laboratorio di NHLBI del Cardiac Energetica, Mickelsen cercato un modo migliore per posizionare i cavi critici, prova la sua nuova tecnica in piccoli suini il cui cuore è circa le dimensioni di un essere umano di. Utilizzando un catetere inserito attraverso la vena giugulare del maiale, ha impiantato elettrocateteri di stimolazione perforando la camera superiore del cuore per raggiungere il pericardio, che è il sacco pieno di liquido intorno al cuore.

Questa è la prima volta i ricercatori hanno volutamente perforato il cuore e ha tentato di lasciare qualcosa, come un catetere o stimolazione lead-behind. "Puntura cardiaca normalmente è considerato un grave complicazione", ha spiegato Mickelsen. "Tutti lo evita". Perforazioni possono portare ad emorragie che strangola fondamentalmente il cuore in modo che non può pompare.

Ma Mickelson ei suoi colleghi hanno scoperto che potevano farlo. Sono stati in grado di inserire un elettrocatetere nello spazio pericardico, e il sito di puntura guarito con il cavo in posizione.

Essi riferiscono sullo studio nel numero di ottobre della rivista stimolazione e Elettrofisiologia clinica.

"Il metodo descritto in questo documento rappresenta un'alternativa molto attraente per stimolazione posizionamento piombo", ha detto Albert C. Lardo, direttore della Image Guided Cardiotherapy laboratorio presso la Scuola di Medicina dell'Università John Hopkins. "Studi clinici e animale nel nostro laboratorio hanno dimostrato che vi è una posizione ottimale per il posizionamento di piombo, ma nei pazienti con lieve anormale anatomia vena coronarica, è spesso difficile o impossibile per posizionare il cavo in posizione ideale. In questi pazienti, i cavi devono essere impiantati in chirurgia altamente invasiva torace aperto.

"Questa nuova tecnica consente il posizionamento ottimale in vantaggio con un approccio mini-invasivo," ha proseguito Lardo. "A seguito di ulteriori test su animali, l'attuazione di un tale metodo potrebbe avere importanti implicazioni cliniche, come ad esempio una riduzione delle complicanze, ricovero in ospedale, e il tempo di recupero rispetto alle procedure chirurgiche tradizionali."

Mickelsen inserito un catetere attraverso vena giugulare del maiale nel lato destro del cuore. Utilizzando raggi X per vedere come ha guidato il catetere attraverso le vene, ha posizionato il catetere appena sopra l'atrio destro e filettato lungo ago attraverso il catetere. Poi perforato la parete della vena che porta nell'atrio, una delle camere superiori del cuore, e inserito l'ago e catetere nel pericardio, la sacca che contiene il cuore. Da lì, ha guidato un filo sottile attraverso l'ago cavo nello spazio pericardico. Il catetere e l'ago sono stati rimossi, lasciando il filo in posizione. Il filo è stato utilizzato per mettere il cavo di stimolazione sulla parete esterna del ventricolo sinistro, o camera inferiore, del cuore, che pompa il sangue nelle arterie.

La complicazione principale per i maiali è stata versamento pericardico, perdite di sangue nel pericardio - che non era terribilmente sorprendente i ricercatori. "Nessuno aveva progettato attrezzature per questo scopo. Abbiamo dovuto improvvisare con gli strumenti che erano disponibili", ha detto Mickelsen. "Abbiamo imparato da questa piccola serie come migliorare l'approccio."

Essi stanno concependo strumenti migliori, come ad esempio i nuovi elettrocateteri di stimolazione, ora. "Abbiamo bisogno di riprodurre la procedura senza alcun versamento e mettere il cavo di stimolazione esattamente dove vogliamo", ha detto Mickelsen. Poi hanno bisogno di provare la procedura in una piccola serie di animali che sono sulla aspirina o hanno la pressione alta nelle loro vene, in altre parole, più come le persone con insufficienza cardiaca.

"Questo studio ha dimostrato la fattibilità e la sicurezza di un approccio rivoluzionario, minimamente invasivo di introdurre un cavo elettrico per stimolare o stimolare il cuore, approfittando di anatomia del cuore", ha detto Hiroshi Ashikaga, un co-autore sulla carta e la testa di elettromeccanica cardiaca la ricerca in laboratorio McVeigh.

"Se il paziente non ha molte vene sulla superficie esterna del cuore, o se le vene sono in posizione errata, non possiamo dare la terapia ottimale", ha spiegato Fred Kusumoto della Mayo Clinic, Jacksonville, in Florida, un autore senior sulla carta. "Con questa tecnica, se si dimostra fruttuoso, possiamo mettere i cavi ovunque."

Quando Mickelsen prima correva la sua idea per Kusumoto, l'elettrofisiologo cardiaco dice che il suo primo pensiero è stato, "questo è un molto creativo, nuovo metodo per prendersi cura di un problema molto difficile che abbiamo in pazienti elettrofisiologia."

Mickelsen è stato uno dei 38 studenti di medicina e cinque studenti in odontoiatria che erano HHMI-NIH studiosi di ricerca durante il 2004-2005. Hanno vissuto e lavorato nel campus NIH di Bethesda, nel Maryland. Ora torna presso l'Università del New Mexico School of Medicine in Albuquerque per completare il suo terzo anno di medicina, Mickelsen ha in programma di sviluppare alcune piccole modifiche all'approccio materiali e provare l'esperimento anche il prossimo anno.

"Voglio essere un ricercatore e un medico", ha detto Mickelsen. "Questa è stata la prima occasione ho dovuto prendere l'idea fin dall'inizio e cercare di convincere la gente interessata, ottenere le approvazioni, e farlo accadere."

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha