Arresto Germs Da coalizzarsi contro la Humans

Marzo 12, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Mantenere i germi dal collaborare può ritardare l'evoluzione della resistenza ai farmaci in modo più efficace di uccidere i germi uno ad uno con i farmaci tradizionali, come gli antibiotici, secondo una nuova ricerca presso l'Università dell'Arizona a Tucson.

John W. Pepe propone una nuova strategia nella corsa agli armamenti tra l'uomo e germs-- rivolte al lavoro di squadra all'interno di bande di germi.

La maggior parte dei farmaci utilizzati per combattere le infezioni uccidere i microrganismi che causano malattie vulnerabili, o agenti patogeni, ma quelli resistenti sopravvivono. La prossima generazione saranno tutti portare la resistenza al farmaco.




"Sappiamo che l'agente patogeno è la causa della malattia. La soluzione più ovvia è quella di uccidere l'agente patogeno. Ha perfettamente senso, ed è quello che abbiamo sempre fatto", ha detto Pepe, una UA assistente professore di ecologia e biologia evolutiva. «Ma c'è una grande difetto con che - e questo è l'evoluzione della resistenza."

Modelli matematici di Pepper mostrano ci vuole più tempo per un gruppo di cellule di sviluppare resistenza ai farmaci che attaccano i fattori lavoro di squadra che per le singole cellule a diventare resistente ad un antibiotico tradizionale.

Egli sostiene lo sviluppo di farmaci che attaccano i metodi e le risorse dei patogeni "per la cooperazione. Pepe ha detto che una volta che il lavoro di squadra è interrotto, il sistema immunitario può combattere qualsiasi infezione residua.

Ha detto che questo nuovo approccio possa funzionare contro i "vecchi nemici e alcuni nuovi", che stanno diventando resistenti ai farmaci, compresi i batteri Staphylococcus aureus resistente alla meticillina (MRSA), l'HIV, la malaria, la tubercolosi, l'influenza aviaria e il cancro.

Pepper è anche un membro del BIO5 Institute di UA e professore esterno presso la Sante Fe Institute di New Mexico. Il suo giornale, "Sconfiggere Patogeno Drug Resistance: Guida di Evolutionary Theory," è prevista per la pubblicazione nel numero di dicembre della rivista Evolution.

Pepper ha iniziato a studiare la cooperazione attraverso lo studio pappagalli e delfini. Ora studia la cooperazione tra le singole cellule.

La maggior parte delle cellule, come un batterio producono materiali che assicurano la propria sopravvivenza e mantengono infezioni aiutando se stessi ei loro compagni.

Per gli agenti patogeni, c'è la forza dei numeri. Come si formano i gruppi, diventano una minaccia più grande.

Ad esempio, MRSA produce più di 50 risorse essenziali per il gruppo.

Dove gli altri possono vedere una difesa invincibile, Pepe vede 50 opportunità.

Il numero e il tipo di materiali prodotti all'interno di una banda di agenti patogeni varia. Tuttavia, se un materiale viene eliminato, nessuna delle cellule sopravviverà. E nemmeno l'infezione.

Attualmente sta collaborando con i biologi cancro per attaccare sostanze chimiche che consentono alle cellule tumorali di banda su cellule normali.

Un tipo di prodotto chimico, il fattore di angiogenesi, è secreta dalle cellule cancerose per stimolare la crescita dei vasi sanguigni in tumori. I vasi sanguigni trasportano ossigeno e sostanze nutritive alle cellule del tumore.

Alcuni medici utilizzano attualmente bloccanti dell'angiogenesi, come il farmaco anti-cancro Avastin, per inibire il segnale. Senza i vasi sanguigni, i tumori soffocano e muoiono di fame.

Al contrario di farmaci tossici che avvelenano e uccidono le cellule tumorali, Pepe ha detto che questi nuovi tipi di farmaci anti-cancro rimarrà più a lungo potente.

"Il punto fondamentale che sto facendo è per salvare il paziente, non avere un farmaco che uccide le cellule tumorali", ha detto Pepe.

Se lo sviluppo di farmaci continua a concentrarsi sulla uccidere le cellule singole, ha detto, "Siamo sempre andando a continuare a correre sullo stesso tapis roulant.

"Stiamo per essere in questa situazione in cui abbiamo un disperato bisogno di un nuovo antibiotico entro domani, o forse da ieri", ha detto Pepe. "Non sara 'una emergenza temporanea - sta andando essere un emergenza permanente, a meno che non si prende un nuovo approccio".

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha