Artrite reumatoide: Discrepanze tra pazienti e medici nella percezione di artrite reumatoide quantificato per la prima volta

Marzo 31, 2016 Admin Salute 0 8
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Per le persone che soffrono di artrite reumatoide, il dolore è il fattore cruciale per la loro personale percezione della condizione. I medici trattano loro, tuttavia, valutare la gravità della malattia basato sul gonfiore delle articolazioni. Questa discrepanza porta spesso a conflitti tra i pazienti ei loro medici, come uno studio di Daniel Aletaha e Paul Studenic del Dipartimento Universitario di Medicina Interna III al MedUni Vienna ha ora rivelato in dettaglio per la prima volta.

Lo studio, che ha coinvolto 646 pazienti, è stato ora pubblicato sulla rivista Arthritis and Rheumatism.

"Il nostro studio ha quantificato per la prima volta quello che già intuitivamente sapevamo", spiega Aletaha. Per i pazienti, la percezione della condizione è 75 per modellato dal dolore che stanno vivendo cento, mentre la percezione dei loro medici della malattia è del 60 per cento fissato per il numero di articolazioni gonfie. "Abbiamo voluto rendere le persone consapevoli di questo. Il nostro lavoro è anche un invito a migliorare la comunicazione tra medici e pazienti con artrite reumatoide."




La discrepanza, tuttavia, non sta solo nel presente la percezione della malattia, ma anche nelle altre fasi di trattamento. Dice Aletaha: "Il paziente si concentra principalmente sulla loro situazione attuale, tuttavia il medico può bandiera up possibili effetti a lungo termine e organizzare il trattamento sulla base di questi, anche se il paziente non ha attualmente alcun dolore Ciò conduce il paziente a volte non essere in grado. per capire il motivo per cui il medico vuole cambiare i loro farmaci. " D'altra parte, la percezione della condizione del paziente è così fortemente influenzato dal dolore che di solito classificare la loro condizione molto peggiore loro medici, dice Studenic.

I risultati dello studio hanno lo scopo di fornire un punto di partenza per migliorare la comunicazione tra le due parti. Dice Aletaha: "Il concetto chiave è 'condiviso il processo decisionale' L'obiettivo deve essere quello di creare una maggiore vicinanza tra il medico e il paziente.".

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha