Asian Spice potrebbe ridurre il rischio di cancro al seno nelle donne esposte a terapia ormonale sostitutiva

Giugno 7, 2016 Admin Salute 0 4
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

"Circa 6 milioni di donne negli Stati Uniti utilizzano la terapia ormonale sostitutiva per trattare i sintomi della menopausa", ha detto Salman Hyder, il Zalk Dotati Professorship nell'angiogenesi tumorale e professore di scienze biomediche nel Collegio di Medicina Veterinaria e il Centro di Ricerca Cardiovascolare Dalton. "Questa esposizione di progestinico possa predisporre un gran numero di donne in post-menopausa per il futuro sviluppo del cancro al seno. I risultati del nostro studio mostrano che le donne potrebbero potenzialmente portare curcumina per proteggersi da sviluppare tumori progestinici accelerazione."

Nello studio, i ricercatori hanno scoperto che la curcumina ha ritardato la prima apparizione, è diminuita l'incidenza e ridotto molteplicità di tumori progestinici accelerate in un modello animale. La curcumina anche impedito la comparsa di anomalie morfologiche lordi nelle ghiandole mammarie. In studi precedenti, i ricercatori hanno dimostrato che MU progestinico accelerato lo sviluppo di alcuni tumori, aumentando la produzione di una molecola chiamata VEGF che aiuta il sangue fornitura al tumore. Bloccando la produzione di VEGF, i ricercatori potrebbero potenzialmente ridurre la proliferazione delle cellule del cancro al seno. La curcumina inibisce progestinico indotta secrezione di VEGF da cellule del cancro al seno, Hyder ha detto.




"Curcumina e altri potenziali composti anti-angiogenici dovrebbero essere testati ulteriormente come agenti chemiopreventivi alimentari nelle donne già esposte alla terapia ormonale sostitutiva contenenti estrogeni e progestinici, nel tentativo di ridurre o ritardare il rischio di cancro al seno associato alla terapia ormonale sostitutiva combinata," Hyder ha detto.

Lo studio è stato coautore da Hyder; Candace Carroll, studente di scienze biomediche; Cynthia Besch-Williford, professore associato di patobiologia veterinaria nel MU College di Medicina Veterinaria; e Mark Ellersieck, professore e ricercatore nel Experiment MU Stazione Statistics.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha