Assistenza post-ER per dolore toracico riduce il rischio di attacco di cuore, la morte

Aprile 29, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Follow-up di cura dopo una visita di pronto soccorso per dolori al petto ridotto in modo significativo il rischio di attacco cardiaco o di morte tra i pazienti ad alto rischio. Il dolore toracico è il motivo più comune dei pazienti vanno al pronto soccorso. Tuttavia, uno su quattro pazienti con dolore toracico non ha cercato di follow-up di cura entro un mese, come raccomandato.

Vedendo un medico entro un mese di una visita di pronto soccorso per dolori al petto ridotto in modo significativo il rischio di attacco cardiaco o di morte tra i pazienti ad alto rischio, secondo una ricerca pubblicata sulla rivista Circulation American Heart Association.

Il dolore toracico è il motivo più comune la gente va al pronto soccorso nei paesi sviluppati e conti per più di 5 milioni di visite ER ogni anno negli Stati Uniti.




Lo studio è il primo a dimostrare l'importanza della cura di follow-up per i pazienti con dolore toracico dopo aver lasciato il pronto soccorso, hanno detto i ricercatori. Pazienti ad alto rischio in questo studio sono stati quelli con malattie cardiache o diabete diagnosticato in precedenza.

"Essere scaricato dal dipartimento di emergenza è rassicurante per i pazienti, ma è fondamentale che seguono con il loro medico per ridurre i rischi di attacchi di cuore futuri o morte prematura", ha detto Dennis T. Ko, MD, M.Sc., anziano autore e scienziato presso l'Istituto di Scienze Cliniche Evaluative, Cardiologo presso Sunnybrook Health Sciences Centre di Toronto, Ontario, Canada. "I pazienti devono sostenere per se stessi ed i medici devono essere più diligenti di organizzare la cura di follow-up."

I ricercatori hanno analizzato i dati su 56.767 adulti (età media 66, 53 per cento degli uomini) in Ontario, Canada, che sono stati diagnosticati con dolore toracico in un pronto soccorso tra aprile 2004 e marzo 2010; era stato precedentemente diagnosticato malattie cardiache o diabete; e non hanno richiesto il ricovero in ospedale supplementare o morire entro un mese. Sono monitorati i dati per un periodo mediano 3,7 anni e rappresentavano differenze nelle caratteristiche essenziali del paziente, quali età, sesso, stato di salute e la posizione.

Tra i risultati:

  • Solo il 17 per cento dei pazienti con dolore toracico alto rischio visto in pronto soccorso sono stati valutati da cardiologi entro un mese; Il 58 per cento ha visto una medici di base da solo, e il 25 per cento non aveva medico di follow-up entro un mese.
  • I pazienti che hanno seguito con un cardiologo, entro 30 giorni sono stati il ​​21 per cento meno probabilità di avere un attacco di cuore o di morire entro un anno, rispetto ai pazienti che non sono riusciti a cercare cure in più all'interno di quel tempo.
  • Pazienti visitati da un medico di base sono stati 7 per cento meno probabilità di avere un attacco di cuore o di morire rispetto ai pazienti che hanno cercato senza follow-up cura.
  • I pazienti trattati da cardiologi ricevuto più prova, delle procedure e farmaci entro 100 giorni dalla loro dimissione ER e aveva i migliori risultati di salute.
  • Pazienti visitati dal loro cardiologo erano il 15 per cento meno probabilità di avere un attacco di cuore o di morire entro il primo anno, rispetto ai pazienti che hanno ricevuto seguire cura dal loro medico di base.

I pazienti che non cercano cure di follow-up entro un mese, ha ricevuto il più basso tasso di cura e aveva i peggiori risultati di salute - che dimostrano la necessità di migliorare il follow-up con pazienti con dolore toracico ad alto rischio dopo che sono stati dimessi dal pronto soccorso , Ko ha detto.

Lo studio rileva che ci sono diversi motivi i pazienti non ricevono medico ulteriore follow-up, tra cui: i pazienti credere non avevano bisogno di cure aggiuntive e la mancanza di un sistema di riferimento coordinato dal dipartimento di emergenza per i medici che possono fornire cure di follow-up.

Mentre non vi è alcun costo per vedere un medico al follow-up del sistema sanitario canadese, le barriere per seguire la cura potrebbe includono spese in altri paesi.

"Come medici, spesso siamo così concentrati sul sapere quale farmaco prescrivere o che prova a ordinare che trascuriamo il fatto che molti pazienti non riescono a ottenere cure di follow-up per cominciare," Ko ha detto. "Abbiamo bisogno di sistemi di assistenza che meglio identificano questi pazienti che sono ad aumentato rischio perché ottenere che il follow-up in grado di ridurre in modo significativo i rischi di attacco cardiaco o di morte prematura."

Poiché lo studio ha analizzato i pazienti ad alto rischio, i risultati potrebbero non essere applicabili a tutti coloro che hanno dolore al petto. I ricercatori raccomandano ulteriori studi che sarà anche indagare i fattori economici.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha