Assunzione di calcio superiore può ridurre il grasso corporeo, mitigazione del rischio genetico per il diabete

Aprile 5, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Poiché il numero di persone con diabete di tipo 2 continua ad aumentare e le sue incrementi tariffari, gli scienziati stanno rimescolando per svelare i complessi fattori genetici e di stile di vita dietro la malattia. Un nuovo studio rileva che i bambini afro-americani con una predisposizione genetica al diabete possono essere in grado di ridurre il loro rischio da ottenere la dose USDA-raccomandata di calcio.

"Anche se l'aspettativa di vita per le persone con diabete è salito, la malattia ha un impatto significativo sulla qualità della vita, in modo da trovare il modo di impedire alle persone di sviluppare il diabete è fondamentale", ha detto Laura Tosi, MD, direttore del programma di salute ossea bambini National Medical Center e uno degli investigatori lo studio del piombo. "Siamo stati entusiasti di scoprire che l'assunzione di calcio maggiore sembra mitigare l'impatto di alcuni geni di rischio per il diabete di tipo 2, e siamo ansiosi di vedere se questi risultati valgono in altre popolazioni."

Si stima che 25 milioni di persone negli Stati Uniti hanno il diabete, o circa 1 su 12 persone. Afro-americani sono a rischio particolarmente elevato, e la traiettoria per la malattia è spesso impostato durante l'infanzia.




I ricercatori hanno analizzato campioni di DNA, le informazioni dettagliate nutrizione, indice di massa corporea e altri indicatori di salute in 142 bambini afro-americani di età 5-9. Nessuno dei partecipanti allo studio erano diabetici, anche se il 40 per cento erano in sovrappeso e il 20 per cento erano obesi.

Tra i bambini che sono risultati positivi per le varianti genetiche note per essere associate con diabete di tipo 2, coloro che consumano una maggiore quantità di calcio avevano un indice di massa corporea e la percentuale di grasso corporeo significativamente inferiore rispetto a quelli con l'assunzione di calcio minore. Indice di massa corporea e la percentuale di grasso corporeo sono forti indicatori di rischio di un bambino di sviluppare il diabete più tardi nella vita.

La USDA consiglia bambini 4-8 età ricevono 1.000 milligrammi di calcio al giorno, l'equivalente di circa 3,5 a 8 once bicchieri di latte o 4,5 once di formaggio. I bambini di età 9-13 anni dovrebbe ottenere circa 1.300 milligrammi. Oltre ai prodotti lattiero-caseari, altri alimenti ricchi di calcio sono il tofu, sardine, salmone e alcune verdure verdi.

Lo studio sottolinea il lavoro dei ricercatori precedenti, che hanno dimostrato che molti bambini africani americani non ottengono i livelli raccomandati di calcio nella loro dieta. "Il venti per cento dei bambini che partecipano consumati senza latte nella loro dieta di sorta e il 55 per cento consuma meno di una porzione di latte al giorno. Solo un quarto dei bambini ha incontrato lo standard USDA", ha detto Tosi.

Co-investigatore Joseph Devaney, Ph.D., ha detto che lo studio potrebbe aiutare a portare ad un approccio più personalizzato alla prevenzione del diabete. "L'obiettivo finale sarebbe quello di essere in grado di prevedere, da il genotipo di un bambino, i suoi fattori di rischio specifici per lo sviluppo di diabete di tipo 2, e quindi sviluppare un approccio preventivo mirato a ridurre i fattori di rischio con interventi di stile di vita specifici come aumentare l'assunzione di calcio o l'attività fisica, per esempio, "ha dichiarato Devaney, direttore delle tecnologie del DNA presso il National Medical Center per bambini.

Anche se i ricercatori non si conosce il motivo esatto per l'associazione, che ipotizzano che il calcio o fattori dietetici correlate possono causare cambiamenti epigenetici che interessano come i geni legati al diabete sono espressi.

"Quello che ha ottenuto ci interessa in questo è l'intera questione di come l'ambiente - tra cui la dieta di una persona - influenze espressione genica", ha detto Tosi. Anche se gli scienziati hanno intensamente studiato l'impatto dei fattori ambientali durante lo sviluppo prenatale e la prima infanzia, pochi ricercatori hanno esaminato l'impatto di tali fattori più tardi durante l'infanzia.

La comprensione delle interazioni tra geni e fattori ambientali nei bambini è particolarmente utile per una malattia complessa come il diabete, ha detto Devaney. Per il momento un adulto viene diagnosticato il diabete, di solito ci sono numerosi fattori di rischio che devono essere affrontate. "Prima si possono identificare i fattori di rischio di una persona, la migliore è la possibilità di prevenire, o almeno ritardare, la malattia conclamata", ha detto Devaney.

Joseph Devaney ha presentato i risultati durante l'Experimental Biology 2014 meeting il Lunedi, 28 aprile.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha