Basi genetiche del diabete 'possono variare in base etnica

Giugno 10, 2016 Admin Salute 0 5
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Origine etnica svolge un ruolo sorprendentemente grande in quanto il diabete si sviluppa a livello cellulare, in base a due nuovi studi condotti da ricercatori della Scuola di Medicina dell'Università di Stanford.

I ricercatori hanno rianalizzati dati di malattia per dimostrare che le vie fisiologiche al diabete variano tra l'Africa e l'Asia orientale e che tali differenze si riflettono in parte da differenze genetiche. Gli studi pubblicati in linea simultaneamente 23 maggio a riviste PLoS Genetics e Diabetes Care.

"Abbiamo nuovi intuizioni le differenze di diabete in tutto il mondo, proprio da questa nuova prospettiva applicata a studi precedenti", ha detto Atul Butte, MD, PhD, autore senior degli studi e capo della Divisione di Systems Medicine e professore associato di pediatria e della genetica. "C'è ancora molto da imparare circa diabete rispetto che conoscevamo".




Le prime fasi del diabete di tipo 2, o diabete dell'adulto, possono sviluppare quando il pancreas ha problemi creando insulina sufficiente, un ormone fondamentale per la regolazione di zucchero nel sangue, o quando le cellule del corpo hanno difficoltà a rispondere all'insulina, una condizione chiamata "insulina resistenza. " Entrambi i problemi porteranno allo stesso risultato: troppo zucchero nel sangue di una persona, che è il criterio principale per la diagnosi di diabete. I diabetici di sviluppare sia la secrezione di insulina bassa e la resistenza all'insulina, come la malattia progredisce.

Nello studio pubblicato su PLoS Genetics, i ricercatori hanno iniziato studiando le informazioni sul genoma di oltre 1.000 persone in 51 popolazioni di tutto il mondo. Questi individui sono stati da popolazioni indigene, che rappresentano i primi gruppi umani in varie località. L'autore principale ed ex studente laureato nel laboratorio di Butte, Erik Corona, PhD, hanno studiato più di 100 malattie la ricerca di differenze genetiche a rischio attraverso queste popolazioni indigene, e ha trovato un chiaro modello geografico nella genetica dietro il diabete di tipo-2. Il rischio genetico è più alto per gli africani e scende lungo la traiettoria dei primi esseri umani hanno preso durante la migrazione dall'Africa verso l'Asia orientale (soprattutto Giappone, Cina e Corea), dove i geni legati al diabete sembrano essere più protettivo. Basata esclusivamente su ciò che è attualmente conosciuto sulla genetica del diabete di tipo 2, gli africani nativi sembrerebbe essere a più alto rischio per il diabete, mentre asiatici orientali sembrerebbe essere protetti. Ma asiatici orientali non sono necessariamente a minor rischio di diabete rispetto africani. Butte ha sottolineato che "asiatici orientali sicuramente ottenere il diabete. Quello che sosteniamo è che il diabete può essere una malattia diversa" nelle popolazioni dell'Asia orientale.

Uno strumento interattivo che visualizza i risultati sono disponibili all'indirizzo http://geneworld.stanford.edu/hgdp.html.

I risultati dello studio della genetica hanno portato la squadra di Butte a chiedersi se ci fosse evidenza clinica di queste differenze nelle popolazioni asiatiche e africane orientali. Per la seconda carta, autore principale e ricerca di ingegneria personale socio Keiichi Kodama, MD, PhD, i dati tirato da più di 70 pubblicazioni guardando misurato contemporaneamente la secrezione di insulina e resistenza all'insulina negli individui in tre diversi gruppi etnici: africani, caucasici e asiatici orientali. Essi hanno scoperto che al basale, gli africani avevano maggiore insulino-resistenza, ma sono stati in grado di compensare con una maggiore secrezione di insulina. Asiatici orientali avevano più probabilità di avere meno capacità di secrezione insulinica, ma questo è stato compensato avendo normale resistenza all'insulina. Caucasici cadde tra i due gruppi, anche se erano più probabilità di sviluppare problemi con la secrezione di insulina.

I ricercatori hanno dimostrato che perché gli individui di ogni inizio gruppo etnico in una posizione di base diversa, ognuno di loro raggiungono il diabete in modo diverso: gli africani attraverso una maggiore resistenza all'insulina, e asiatici orientali attraverso bassa capacità insulino-secrezione. "Gli africani sono già abbastanza resistenti all'insulina", ha detto Butte. "Hanno bisogno di loro cellule beta a lavorare sodo. Se le loro cellule non riescono, è così che si dirigono verso il diabete." Asiatici orientali, al contrario, "non hanno un sacco di capacità inutilizzata di secernere più insulina." I risultati sono stati pubblicati su Diabetes Care.

Butte osserva che un cambiamento nel modo in cui i medici pensano diabete potrebbe portare a terapie più mirate, più come pensare il cancro si è evoluto nel corso degli ultimi 10 anni, portando a nuovi trattamenti. "Altri campi della medicina hanno subito un radicale ripensamento in tassonomia malattia, ma questo non è ancora avvenuto per il diabete, una delle minacce per la salute pubblica a livello mondiale", ha detto. "Se questi sono malattie distinte a livello molecolare, dobbiamo cercare di capire che."

Altri Stanford co-autori includono passato bioinformatica scienziato Rong Chen, PhD; Carlos Bustamante, PhD, professore di genetica e co-direttore del nuovo Centro di Stanford for Computational, evolutiva e genomica umana; studenti ex laureati Alexander Morgan, PhD, e Aditya Ramesh, MS; e studiosi post-dottorato Chirag Patel, PhD, e Martin Sikora, PhD. Gli scienziati dell'Università di Lund in Malmo, in Svezia, e Kitasato University di Tokyo sono stati coinvolti anche in questo lavoro.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha