Bassi livelli di vitamina D un fattore di rischio per la polmonite

Maggio 18, 2016 Admin Salute 0 20
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Una Università della Finlandia orientale studio ha mostrato che bassi livelli sierici di vitamina D sono un fattore di rischio per la polmonite. Il rischio di contrarre la polmonite è più di 2,5 volte maggiore nei soggetti con i più bassi livelli di vitamina D rispetto ai soggetti con alti livelli di vitamina D. I risultati sono stati pubblicati nel Journal of Epidemiology e Community Health.

Lo studio di follow-up condotto dall'Istituto UEF della sanità pubblica indagato il legame tra livelli sierici di vitamina D3 e il rischio di contrarre la polmonite. Lo studio ha coinvolto 1.421 soggetti che vivono nella regione di Kuopio in Finlandia orientale. I livelli sierici di vitamina D3 dei soggetti sono stati misurati da campioni di sangue prelevati nel periodo 1998-2001, e questi dati sono stati confrontati con casi di polmonite in ospedale record nello stesso insieme di soggetti in 1998-2009. I risultati hanno mostrato che durante il follow-up, i soggetti con livelli sierici di vitamina D3 che rappresenta il terzo più basso sono stati più di 2,5 volte più probabilità di contrarre la polmonite rispetto ai soggetti con alti livelli di vitamina D3. Inoltre, il fumo costituisce un fattore di rischio significativo per la polmonite. Il rischio di contrarre la polmonite crescita anche per età, ed era maggiore negli uomini rispetto alle donne. Al basale, la concentrazione media D3 sierica della popolazione in studio era 43,5 nmol/l, e l'età media della popolazione in studio era 62,5 anni.

Precedenti ricerche hanno dimostrato che la carenza di vitamina D indebolisce il sistema immunitario e aumenta il rischio di infezioni respiratorie lievi. Questo studio dell'Università di Finlandia orientale è stato il primo a dimostrare che la carenza di vitamina D aumenta anche il rischio di contrarre la polmonite nella popolazione generale di invecchiamento. Secondo i ricercatori, questa scoperta supporta precedenti osservazioni sul ruolo diversificata di vitamina D nel corpo, e chiede anche ulteriori ricerche sulla carenza di vitamina D come un problema di salute pubblica. In latitudini settentrionali, vi è l'esposizione abbastanza sole per mantenere sufficienti livelli di vitamina D in estate, ma non durante la stagione invernale, e la supplementazione di vitamina D è spesso richiesto. La dose giornaliera raccomandata di vitamina D in Finlandia è di 20 microgrammi per quelli oltre 60 anni di età.




(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha