Basso costo cure ospedaliere non è sempre inferiore in qualità

Aprile 12, 2016 Admin Salute 0 5
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I costi che gli ospedali devono sostenere nel trattamento di pazienti variano ampiamente e non sembrano essere fortemente associata sia con la qualità delle cure i pazienti ricevono o il loro rischio di morire entro 30 giorni, secondo un rapporto del 22 febbraio questione di Archives of Internal Medicine, una delle JAMA/Archivi riviste.

"Gli ospedali devono affrontare una crescente pressione per ridurre i costi delle cure, migliorando la qualità delle cure", gli autori scrivono come informazioni di base nell'articolo. Tuttavia, i critici hanno espresso preoccupazioni circa il trade-off tra i due obiettivi. "In particolare, potrebbero ospedali con bassi costi di cura e minori spese dedicare meno sforzo per migliorare la qualità delle cure? Potrebbe la ricerca di bassi costi di ospedali azionamento cura di essere 'Penny Wise e libbra sciocco,' scaricando i pazienti prima, solo per aumentare tassi di riammissione e di incorrere in un maggiore utilizzo del ricoverato nel tempo? "

Lena M. Chen, MD, MS, della University of Michigan, Ann Arbor, e colleghi hanno condotto uno studio nazionale di ospedali che scaricate pazienti Medicare che sono stati ospedalizzati per insufficienza cardiaca congestizia o polmonite nel 2006. Per ogni condizione, i ricercatori hanno utilizzato i dati dalle banche dati nazionali per esaminare l'associazione tra il costo delle cure ospedaliere e diverse variabili: il tasso di mortalità a 30 giorni, i tassi di riammissione, di sei mesi ricoverato costo delle cure e un punteggio di qualità sulla base di alcuni indicatori di performance per ogni condizione.




I costi di cura per ogni condizione varia ampiamente. Cura per un tipico paziente con insufficienza cardiaca congestizia in media 7114 dollari e potrebbe variare da $ 1,522 a $ 18,927, a seconda di quale delle 3.146 ospedali scaricato il paziente. Costo delle cure per un paziente tipico con una polmonite media 7.040 dollari e varia da $ 1,897 a $ 15,829 per ospedalizzazione tra 3.152 strutture.

"Rispetto ospedali nel quartile più basso costo [un quarto] per insufficienza cardiaca congestizia cura, ospedali nel quartile più alto costo dovuto qualità della cura punteggi più elevati (89,9 per cento contro 85,5 per cento) e la mortalità più bassa [la morte] per insufficienza cardiaca congestizia (9,8 per cento contro 10,8 per cento), "scrivono gli autori. "Per la polmonite, il contrario era vero. Rispetto ospedali a basso costo, ospedali ad alto costo dovuto qualità di cura punteggi più bassi (85,7 per cento contro 86,6 per cento) e più alta mortalità per polmonite (11,7 per cento contro 10,9 per cento). "

Ospedali con minori costi avevano tassi di riammissione di 30 giorni simili o leggermente superiori (24,7 per cento per l'insufficienza cardiaca congestizia e 17,9 per cento per la polmonite) se confrontato con gli ospedali ad alto costo (22 per cento per l'insufficienza cardiaca congestizia e 17,3 per cento per la polmonite). Tuttavia, i pazienti osservati inizialmente negli ospedali a basso costo ancora sostenuti minori costi complessivi di cura più di sei mesi rispetto ai pazienti inizialmente visto in ospedali ad alto costo ($ 12.715 contro $ 18.411 per insufficienza cardiaca congestizia e $ 10.143 contro $ 15.138 per la polmonite).

"I nostri risultati non supportano l'ipotesi che gli ospedali che cercano di ridurre i costi delle cure scaricando pazienti precedentemente usano infine maggiori risorse ospedaliere nel tempo", scrivono gli autori. "Anche se gli ospedali a basso costo hanno avuto lunghezza circa il 20 per cento più breve di soggiorno, i loro pazienti avevano tassi di riammissione comparabili o leggermente superiore e notevolmente più basso costo totale di ricovero di sei mesi di cura. Pertanto, i nostri risultati suggeriscono che il costo iniziale inferiore ospedale di cure non possono avere un effetto deleterio sulla uso ospedaliero a lungo termine ".

Editoriale: Più ricerca necessarie per ridurre i costi pur mantenendo la qualità

"Controllo costi ospedalieri è fondamentale per ridurre i costi complessivi di assistenza sanitaria", scrive Mitchell H. Katz, MD, del Dipartimento di San Francisco della sanità pubblica, in California, in un editoriale di accompagnamento. "Ma possono essere ridotti i costi ospedalieri senza danneggiare la qualità dei servizi? L'articolo di Chen et al in questo numero di Archives rende un importante contributo a questo dibattito. Gli autori hanno trovato alcuna relazione coerente tra il costo delle cure ospedaliere e la qualità di che la cura per due diagnosi comuni: insufficienza cardiaca congestizia e la polmonite ".

"Per fortuna, ci sono gli interventi che mostrano promessa nel ridurre i costi ospedalieri senza danneggiare la qualità. Ad esempio, riducendo la durata del soggiorno per determinate condizioni può diminuire in modo sicuro i costi. Infatti, Chen e colleghi hanno scoperto che le lunghezze di soggiorno sono significativamente più a lungo in ospedali ad alto costo sia per l'insufficienza cardiaca congestizia e la polmonite ".

"Per aumentare i progressi sulla riduzione dei costi ospedalieri senza danneggiare la qualità, abbiamo bisogno di studi di efficacia più comparativi - in particolare, gli studi che mostrano che due interventi di costi diversi hanno lo stesso valore," Dr. Katz conclude. "Questa ricerca è fondamentale per aumentare la qualità delle cure, allo stesso tempo come noi riduciamo il costo, in modo da permetterci di espandere la copertura sanitaria per i non assicurati."

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha