Batteri intestinali producono un neurotrasmettitore, potrebbe svolgere un ruolo nel processo infiammatorio

Maggio 17, 2016 Admin Salute 0 53
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I ricercatori del Baylor College of Medicine e il Texas Children Hospital sono individuati batteri commensali nell'intestino umano che producono un neurotrasmettitore che può svolgere un ruolo nella prevenzione o cura delle malattie infiammatorie croniche intestinali come il morbo di Crohn.

"Abbiamo identificato, a nostra conoscenza, il primo ceppo bifidobatteri, Bifidobacterium dentium, che è in grado di secernere grandi quantità di acido gamma-aminobutirrico (GABA). Questa molecola è un importante neurotrasmettitore inibitorio nel sistema nervoso centrale e enterici", dice Karina Pokusaeva, un ricercatore dello studio e membro del laboratorio di James Versalovic.

GABA è uno dei principali neurotrasmettitori inibitori nel sistema nervoso centrale umano. Essa svolge un ruolo nella regolazione del dolore e alcuni antidolorifici farmaci attualmente sul mercato atto orientando recettori GABA sulle cellule neurali.




Pokusaeva ei suoi colleghi erano interessati a capire il ruolo del microbioma umano potrebbe svolgere nel dolore e scansione dei genomi di microrganismi intestinali potenzialmente benefici, individuate dal Progetto microbioma umano, per la prova di un gene che avrebbe permesso loro di creare GABA.

"Analisi di laboratorio del DNA metagenomica dati di sequenziamento ha permesso di dimostrare che microbica glutammato decarbossilasi gene codifica è molto abbondante in microbiota intestinale rispetto ad altri siti del corpo", dice Pokusaeva. Uno dei produttori più prolifici di GABA fu B. dentium, che appare a secernere il composto per aiutarla a sopravvivere ambiente acido.

Oltre alle sue proprietà di dolore modulante, GABA può anche essere in grado di inibire l'infiammazione. Recenti studi hanno dimostrato che le cellule immunitarie chiamate macrofagi possiedono recettori GABA. Quando questi recettori sono stati attivati ​​sui macrofagi c'è stata una diminuzione nella produzione di composti responsabili dell'infiammazione.

"Il nostro laboratorio era curioso di esplorare se GABA prodotto da intestinale isolare B. dentium umana potrebbe avere un effetto sui recettori GABA presenti nelle cellule del sistema immunitario", spiega Pokusaeva. Insieme con i loro collaboratori Dr. Yamada e il Dr. Lacorazza hanno scoperto che quando le cellule sono state esposte alle secrezioni dai batteri, che hanno mostrato un aumento dell'espressione del recettore GABA nelle cellule immunitarie.

Mentre i risultati sono preliminari, suggeriscono la possibilità che B. dentium e composti secerne potrebbe svolgere un ruolo nel ridurre l'infiammazione associata a malattie infiammatorie intestinali.

Il prossimo passo, dice Pokusaeva è di condurre esperimenti in vitro per determinare se l'aumentata espressione GABAA correlata con una diminuzione della produzione di citochine associati con l'infiammazione. Segnalazione dei recettori GABA può inoltre contribuire alla segnalazione dolore nell'intestino e può essere in qualche modo coinvolto in disturbi del dolore addominale.

"I nostri risultati preliminari suggeriscono che Bifidobacterium dentium potrebbe potenzialmente avere un ruolo inibitorio dell'infiammazione, ma più ricerca deve essere effettuata per dimostrare ulteriormente la nostra ipotesi", dice Pokusaeva.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha