Bevitori di caffè hanno un minor rischio di morte, studio suggerisce

Maggio 19, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Bevitori di caffè hanno meno probabilità di morire di malattie cardiache, malattie respiratorie, ictus, lesioni e incidenti, il diabete, e le infezioni, anche se l'associazione non è stata osservata per il cancro. Questi i risultati di un ampio studio di adulti più anziani sono stati osservati dopo aggiustamento per gli effetti di altri fattori di rischio per la mortalità, come il fumo e il consumo di alcol. I ricercatori avvertono, però, che non possono essere sicuri che queste associazioni significa che bere caffè in realtà rende le persone vivono più a lungo. I risultati dello studio sono stati pubblicati nel 17 Maggio 2012 edizione del New England Journal of Medicine.

Neal Freedman, Ph.D., Divisione di Cancer Epidemiology e Genetica, NCI, ei suoi colleghi hanno esaminato l'associazione tra consumo di caffè e rischio di morte in 400.000 noi uomini e donne di età 50-71 che hanno partecipato al NIH-AARP Dieta e salute Study. Informazioni su assunzione di caffè sono state raccolte una volta con un questionario all'ingresso nello studio nel 1995-1996. I partecipanti sono stati seguiti fino alla data della loro morte o 31 dicembre 2008, a seconda di quale è venuto prima.




I ricercatori hanno trovato che l'associazione tra caffè e la riduzione del rischio di morte aumenta con la quantità di caffè consumato. Relative a uomini e donne che non bevono caffè, chi consuma tre o più tazze di caffè al giorno avevano un rischio di circa il 10 per cento più basso di morte. Bere il caffè non era associato a mortalità per cancro tra le donne, ma c'è stato un lieve e solo marginalmente statisticamente significativa associazione tra assunzione di caffè più pesante con un aumento del rischio di morte per cancro tra gli uomini.

"Il caffè è una delle bevande più consumate in America, ma l'associazione tra consumo di caffè e rischio di morte è stato poco chiaro. Abbiamo trovato il consumo di caffè per essere associato ad un minor rischio di mortalità generale, e di morte per una serie di cause diverse ", ha detto Freedman. "Anche se non possiamo inferire una relazione causale tra consumo di caffè e il più basso rischio di morte, crediamo che questi risultati forniscono qualche rassicurazione che il consumo di caffè non ha effetti nocivi sulla salute."

I ricercatori avvertono che l'assunzione di caffè è stata valutata da self-report in un unico punto di tempo e di conseguenza potrebbe non corrispondere modelli a lungo termine di assunzione. Inoltre, non era disponibile su come è stato preparato il caffè (espresso, bollito, filtrato, ecc); i ricercatori ritengono possibile che i metodi di preparazione possono influenzare i livelli di tutti i componenti di protezione nel caffè.

"Il meccanismo con cui il caffè protegge contro il rischio di morte - se davvero la constatazione riflette una relazione causale - non è chiaro, perché il caffè contiene più di 1.000 composti che potrebbero potenzialmente influenzare la salute", ha detto Freedman. "Il composto più studiato è la caffeina, anche se i nostri risultati sono stati simili a quelli che ha riportato il maggior parte del loro consumo di caffè per essere caffeina o decaffeinato."

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha