Biochimico sblocca il ruolo del gene nella crescita del seno, tumore

Maggio 5, 2016 Admin Salute 0 6
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Una nuova ricerca condotta da McGill biochimico Dr. William Muller aiuta a spiegare perché le cellule del latte materno perdono la loro struttura, causando loro di raggrupparsi in modo strano (foto disponibili) e, talvolta, diventano tumori. Con il sostegno di Chen Ling e Dongmei Zuo a Goodman Cancer Centre di McGill, Muller ha scoperto come un gene particolare regola cellule epiteliali - cellule che formano normalmente in fogli e sono polarizzati per consentire il trasporto di molecole in una sola direzione.

È questa perdita di polarità che è pensato per svolgere un ruolo importante nello sviluppo del tumore al seno. Gli scienziati del Cancer Institute Ontario (braccio di ricerca del Princess Margaret Hospital) e Cold Spring Harbor Laboratory di New York hanno contribuito anche i risultati.

Utilizzando modelli murini, Muller ha scoperto che le cellule non formano strutture ordinate quando il malfunzionamento del gene. "In effetti, il primo modello murino ha avuto un difetto della pelle ed era completamente incapace di formare fogli di cellule epiteliali. Questo gene è frequentemente persa nel cancro al seno, la prova significativo che questo gene possa svolgere un ruolo importante," ha detto.




La ricerca pubblicata il 30 aprile a geni e lo sviluppo mostra che se il gene è reintrodotto in un tumore, la polarità può essere ripristinato. "Questo è un interessante primo passo lungo questo percorso particolare", ha detto Muller, sottolineando che le funzioni dei geni, lavorando con più di 40 diverse proteine, di cui solo uno, una proteina scaffold, sono stati identificati. Proteine, ha detto, giocano diversi ruoli nel nostro corpo, di mantenere la forma e la funzione delle cellule fino alla guida reazioni chimiche, le risposte immunitarie e la crescita.

"Abbiamo molti altri passi da fare prima di poter dire che questo percorso porterà ad un trattamento o cura."

La ricerca ha ricevuto finanziamenti dal Canadian Institutes of Health Research e il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti Breast Cancer Research Program.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha