Biologi Cancro trovano danneggiano il DNA tossine in alimenti comuni a base vegetale

Marzo 23, 2016 Admin Salute 0 19
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Il gene p53 si attiva quando il DNA è danneggiato. Il suo prodotto genico rende le proteine ​​di riparazione che riparano il DNA. Più alto è il livello di danno al DNA, più p53 viene attivato.

"Non sappiamo molto circa i cibi che mangiamo e come influenzano le cellule nel nostro corpo," dice Scott Kern, MD, il Kovler Professore di Oncologia e Patologia presso la Facoltà di Medicina dell'Università John Hopkins. "Ma è chiaro che le piante contengono molti composti che hanno lo scopo di scoraggiare gli esseri umani e gli animali da mangiare loro, come la cellulosa in fusti e tannini gusto amaro in foglie e fagioli che usiamo per fare tè e caffè, e il loro impatto deve essere valutato. "




Kern ha avvertito che i suoi studi non suggeriscono la gente dovrebbe smettere di usare il tè, caffè o aromi, ma suggeriscono la necessità di ulteriori ricerche.

Lo studio del Johns Hopkins ha iniziato un anno fa, quando studente laureato Samuel Gilbert, che lavora nel laboratorio di Kern, ha notato che un test Kern aveva sviluppato per rilevare l'attività di p53 non era mai stato utilizzato per identificare le sostanze che danneggiano il DNA negli alimenti.

Per lo studio, pubblicato online l'8 febbraio a Food and Chemical Toxicology, Kern e il suo team sollecitato il parere di scienziati del Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti sui prodotti alimentari e aromi. "Per fare bene questo lavoro, abbiamo dovuto pensare come i chimici alimentari per estrarre le sostanze chimiche dal cibo e diluire prodotti alimentari a livelli che si verificano in una dieta normale," dice.

Utilizzando test di Kern per l'attività di p53, che rende un composto fluorescente che "illumina" quando è attivato p53, gli scienziati miscelati diluizioni dei prodotti alimentari e degli aromi con cellule umane e sono cresciuti in piatti di laboratorio per 18 ore.

Misurare e comparare l'attività di p53 con livelli basali, gli scienziati hanno scoperto che il fumo liquido aromatizzanti, nero e tè verde e caffè hanno mostrato fino a un aumento quasi 30 volte in attività di p53, che era alla pari con le loro prove di attività p53 causate da un farmaco chemioterapico chiamato etoposide.

Studi precedenti hanno dimostrato che i liquidi danni fumo aromatizzanti di DNA in modelli animali, così la squadra di Kern ha analizzato l'attività di p53 innescata dalle sostanze chimiche presenti nel fumo liquido. Postdoctoral fellow Zulfiquer Hossain rintracciato le sostanze chimiche responsabili dell'attività p53. L'attività di p53 più forte è stato trovato in due sostanze chimiche: pirogallolo e acido gallico. Pirogallolo, si trovano comunemente nei cibi affumicati, si trova anche nel fumo di sigaretta, tinture per capelli, tè, caffè, crosta di pane, malto tostato e cacao in polvere, secondo Kern. L'acido gallico, una variante di pirogallolo, si trova in tè e caffè.

Kern dice che sono necessari altri studi per esaminare il tipo di danni al DNA causati da pirogallolo e acido gallico, ma ci potrebbero essere modi per rimuovere le due sostanze chimiche da cibi e aromi.

"Abbiamo riscontrato che il whisky scozzese, che ha un aroma di affumicatura e potrebbe essere un sostituto per il fumo liquido, ha avuto un effetto minimo sulle attività di p53 nei nostri test", dice Kern.

Fumo liquido, prodotta dalla condensazione distillato di fumo naturale, è spesso usato per aggiungere aroma di affumicatura agli insaccati, carni e altri sostituti della carne vegan. Ha guadagnato popolarità quando i produttori di salsicce passati dal budello naturale di budelli artificiali di fumo-blocking.

Altri aromi come pesce e ostriche salse, Tabasco e salse di soia e salse di soia neri hanno evidenziato effetti minimi p53 nei test di Kern, così come pasta di soia, kim chee, wasabi in polvere, polveri fumo Hickory e paprika affumicata.

Finanziamento per lo studio è stato fornito dal National Institutes of Cancer Institute del National Health (CA62924) e Everett e Marjorie Kovler Professorship in Pancreas Cancer Research.

Oltre a Kern, Gilbert e Hossain, altri scienziati coinvolti nella ricerca includono Kalpesh Patel, Soma Ghosh, e Anil Bhunia dalla Johns Hopkins.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha