Biomarcatori per la psicosi

Maggio 1, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Sintomi psicotici come allucinazioni, deliri, cambiamenti di personalità, e il pensiero disorganizzato si verificano in diversi disturbi psichiatrici, tra cui la schizofrenia, disturbo bipolare e depressione psicotica. Gli scienziati a capire poco di ciò che va male nel cervello di una persona psicotica, ma spero che l'imaging cerebrale e caratterizzazione sistematica di attività genetica e della composizione delle proteine ​​nel cervello potrebbe aiutare a far luce sulle malattie mentali, alla fine portano a una migliore diagnosi, il trattamento, e forse anche prevenzione. Un nuovo studio condotto da Sabine Bahn e colleghi (Cambridge University) pubblicato nella internazionale ad accesso aperto rivista PLoS Medicine fornisce un passo in quella direzione.

I ricercatori hanno confrontato la composizione proteica nel liquido cerebrospinale (il liquido corpo chiaro che circonda il cervello e il midollo spinale) di 79 pazienti affetti da diversi disturbi psicotici e 90 individui sani di mente che hanno servito come controlli. Essi hanno scoperto che i campioni da pazienti con psicosi avevano un numero di variazioni caratteristiche rispetto a campioni provenienti da individui di controllo, e che tali modifiche non sono stati trovati in pazienti con altre malattie mentali. Hanno quindi voluto verificare se avrebbero visto lo stesso modello in un gruppo separato di pazienti con malattia psicotica, che si è rivelato essere il caso. Due dei cambiamenti nel liquido cerebrospinale associati alla schizofrenia, cioè livelli elevati di parti di una proteina chiamata VGF e bassi livelli di una proteina chiamata transthyretin, sono stati trovati anche in post-mortem campioni di cervello di pazienti con schizofrenia rispetto ai campioni di controllo.

Questi risultati suggeriscono che questo approccio ha il potenziale per trovare biomarcatori per la psicosi e, eventualmente, la schizofrenia, che sarebbe utile per la diagnosi e potrebbe aiutare a comprendere le basi molecolari di queste condizioni. Se dimostrato, in studi futuri, di essere direttamente coinvolti nel causare i sintomi della malattia, sarebbero importanti obiettivi per il trattamento e la prevenzione razionali sforzi.




Citation: Huang JTJ, Leweke M, D Oxley, Wang L, Harris N, et al. biomarcatori (2006) malattia in liquido cerebrospinale di pazienti con psicosi prima insorgenza. PLoS Med 3 (11): E428. (Http://dx.doi.org/10.1371/journal.pmed.0030428)

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha