Biomarcatori promettenti per predire il rischio di suicidio

Aprile 5, 2016 Admin Salute 0 4
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

In questo Review, pubblicata in concomitanza con il lancio della rivista Lancet Psychiatry, il professor Kees van Heeringen da Ghent University in Belgio e John Mann alla Columbia University negli USA discutere la teoria dello stress-diatesi del suicidio, in cui una predisposizione o interagisce diatesi con esperienze di vita stressanti e malattia psichiatrica acuta per causare comportamenti suicidi. La teoria spiega perché solo una piccola minoranza di persone sono a rischio di togliersi la vita dopo l'esposizione a tali fattori di stress.

Gli autori discutono le cause della diatesi, o predisposizione, per il comportamento suicida, che può includere effetti genetici e l'impatto a lungo termine sul cervello e il comportamento della prima avversità della vita (ad esempio, abusi fisici e sessuali). Inoltre, essi delineano diversi fattori neurobiologici che possono giocare un ruolo in questa predisposizione al comportamento suicidario. Ad esempio, studi post-mortem e di neuroimaging hanno individuato cambiamenti strutturali e funzionali nel cervello dei soggetti con una storia di comportamenti suicidi che possono influenzare la regolazione dell'umore, la risposta allo stress e il processo decisionale, e questi includono deficit biochimici in funzione della serotonina e l'asse ipotalamo ipofisi surrene (HPA) lo stress-risposta. Gli autori suggeriscono che queste anomalie potrebbero essere utilizzati in futuro per sviluppare biomarcatori che possono aiutare a prevedere chi è a rischio di prendere la propria vita, e che possono servire come bersaglio per il trattamento.

Secondo il professor van Heeringen, "In tutto il mondo, oltre un milione di persone ogni anno muoiono per suicidio. Dato che non ci sono affidabili test clinici per identificare le persone che potrebbero essere più predisposti al suicidio, biomarcatori di imaging genetiche e cerebrali offrono i nuovi più promettenti indicazioni per rilevare gli individui ad alto rischio e di individuare i trattamenti più personalizzati per prevenire il comportamento suicida. "




(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha