Biomarker, potenziale terapia mirata per il tumore al pancreas scoperto

Marzo 22, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Università di Cincinnati (UC) ricercatori hanno scoperto un biomarker, noto come fosfatidilserina (PS), per il carcinoma pancreatico che potrebbero essere efficacemente mirati, creando un potenziale terapia per una condizione che ha una piccola percentuale di sopravvivenza.

Questi risultati, pubblicati sulla 4 ottobre 2013, edizione on line PLoS ONE, mostrano anche che l'uso di un bioterapia costituito da una proteina lisosomiale, noto come saposin C (SAPC), e un fosfolipide, denominato dioleoylphosphatidylserine (DOPS ), possono essere combinati in piccole cavità, o nanovesicles, per colpire e uccidere le cellule tumorali del pancreas.

I lisosomi sono organelli alla membrana chiusa che contengono enzimi in grado di abbattere ogni tipo di componenti biologiche; fosfolipidi sono i principali componenti di tutte le membrane cellulari e doppi strati lipidici forma - o le membrane cellulari.




"Solo un piccolo numero di promettenti farmaci bersaglio cancro al pancreas, che è la quarta principale causa di decessi per cancro, con una sopravvivenza a cinque anni inferiore al 5 per cento", dice Xiaoyang Qi, PhD, professore associato di ematologia oncologia a UC e ricercatore principale dello studio.

"Il tumore al pancreas è di solito asintomatica nelle fasi iniziali, mentre spesso invadendo linfonodi e il fegato, e meno spesso i polmoni e organi viscerali. Gli attuali trattamenti, tra cui la chirurgia, la chemioterapia e la radioterapia, non sono riusciti a migliorare la sopravvivenza a lungo termine."

Qi dice che il suo laboratorio e collaboratori in precedenza scoperto che la combinazione di due componenti cellulari naturali, chiamato SAPC-DOPS, che sono stati assemblati e consegnati con nanovesicles cancro-selettivo, ha causato la morte delle cellule in altri tipi di cellule di cancro, compreso il cervello, polmoni, pelle, della prostata , cancro del sangue e del seno, risparmiando le cellule ei tessuti normali.

"Abbiamo anche studiato l'efficacia e la biodistribuzione sistemica nanovesicles SAPC-DOPS in modelli animali e verificando che non mirati e fermammo la crescita di alcune cellule tumorali e non ha mostrato effetti tossici in tessuti non tumorali. In questo studio, abbiamo mirato selettivamente la membrana cellulare di tumori pancreatici per vedere se potevamo distruggere le cellule pancreatiche maligne senza danneggiare i tessuti normali e cellule. "

Qi dice una caratteristica distintiva di SAPC-DOPS è la sua capacità di legarsi al phosphatidylseriine (PS), un lipide, che si trova sulla superficie della membrana delle cellule tumorali pancreatiche.

"Per valutare il ruolo di PS cellula esterna, abbiamo usato l'esposizione PS in cellule tumorali umane e non tumorali attraverso la cultura", dice. "Abbiamo anche introdotto queste cellule in modelli animali e poi iniettato il SAPC-DOPS vescicole per vedere se sono stati osservati cambiamenti."

In alcune parti dell'esperimento, i nanovesicles SAPC-DOPS stati fluorescente con un colorante che può essere seguito mediante un dispositivo di imaging.

Per monitorare le cellule tumorali, cellule tumorali pancreatiche umane sono stati illuminati con tintura pure, e lo stesso dispositivo di imaging è stato utilizzato per identificare e monitorare.

"Abbiamo osservato che i nanovesicles selettivamente ucciso cellule tumorali pancreatiche umane, e le cellule non tumorali, o non trasformati, sono rimasti inalterati," dice. "Questo effetto tossico correlato al livello di esposizione della superficie di PS sulle cellule tumorali."

Qi aggiunge che gli animali trattati con SAPC-DOPS hanno mostrato benefici di sopravvivenza chiari e loro tumori si è ridotto o scomparsi.

"Inoltre, utilizzando un metodo a doppio inseguimento in modelli dal vivo, abbiamo dimostrato che le nanovesicles erano specificamente mirati ai tumori", dice. "Questi dati suggeriscono che il fosfolipide PS acido è un biomarker per il cancro al pancreas che può essere efficacemente mirati per la terapia del cancro usando selettivo SAPC-DOPS nanovesicles.

"Questo studio fornisce prove convincenti a sostegno dello sviluppo di un nuovo approccio terapeutico per il cancro al pancreas. Questa tecnologia viene ora concesso in licenza e, si spera, sarà disponibile nel corso di studi clinici a breve."

"Scoperta s 'Dr. Qi ha un grande potenziale da sviluppare in diagnosi e terapie per il cancro al pancreas", spiega Shuk-mei Ho, PhD, direttore del Cincinnati Cancer Center e Jacob G. Schmidlapp Professore e Cattedra di salute ambientale. "Questo tipo di ricerca aiuta a soddisfare la missione del National Cancer Institute di promuovere la traduzione della ricerca dal laboratorio al letto del paziente."

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha