Blocco recettore ormone chiave spara fino enzima per uccidere le cellule tumorali pancreatiche

Giugno 7, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Ricercatori cancro del pancreas a Thomas Jefferson University hanno dimostrato, per la prima volta, che il blocco un recettore di un ormone chiave nel sistema renina-angiotensina (RAS) riduce la crescita delle cellule del cancro attivando l'enzima AMPK di inibire sintasi acidi grassi, gli ingredienti per sostenere la divisione cellulare.

Con questo, un nuovo agente chemiopreventivo che inibisce l'angiotensina II tipo 2 recettori - mai pensato di svolgere un ruolo nella crescita del tumore - potrebbe essere sviluppato per contribuire a trattare uno dei tumori più rapida in movimento che ha un tasso di sopravvivenza a 5 anni di soli 5 percento.

Hwyda Arafat, MD, Ph.D., professore associato di Chirurgia al Jefferson Medical College della Thomas Jefferson University e co-direttore del Jefferson pancreas, vie biliari e tumori correlati Centro, ei suoi colleghi ricercatori, tra cui il presidente del Dipartimento di Chirurgia al Jefferson, Charles J. Yeo, MD, FACS, presentano i loro risultati nel numero di agosto di Chirurgia.




L'angiotensina II (AngII) è l'ormone principale della RAS che regola la pressione sanguigna e l'equilibrio idrico; ha due recettori: tipo 1 e tipo 2. AngII viene generato anche attivamente nel pancreas e ha dimostrato di essere coinvolti nell'angiogenesi tumorale.

Precedenti studi hanno sottolineato il ormone recettore di tipo 1, come il colpevole nella proliferazione delle cellule tumorali e tumorali infiammazione; Tuttavia, l'idea che di tipo 2 ha avuto alcun effetto non è mai stato intrattenuto.

Osservando adenocarcinoma del dotto pancreatico (PDA) cellule in vitro, i ricercatori Jefferson scoperto che il tipo 2 recettori, non solo di tipo 1, media la produzione di acido grasso sintasi (FAS), che ha dimostrato di fornire gli ingredienti necessari per parete cellulare le cellule tumorali di moltiplicarsi.

FAS stato precedentemente identificato come possibile oncogene nel 1980. E 'up-regolata nei tumori al seno ed è indicatore di prognosi sfavorevole, e quindi crede di essere un bersaglio chemiopreventiva utile.

"AngII non è solo coinvolto nel processo infiammatorio cellulare e l'angiogenesi, è coinvolto nel metabolismo di tumore come pure", ha detto il dottor Arafat, un membro del Kimmel Cancer Center a Jefferson. "Promuove FAS con entrambi i recettori, che fa crescere il tumore."

"Il blocco del recettore di tipo 2 riduce la crescita delle cellule di PDA con l'attivazione di AMPK, rivelando un nuovo meccanismo attraverso il quale la chemioprevenzione può sfruttare", ha aggiunto. "In effetti, forse combinata blocco dei due recettori sarebbe più efficace di un semplice blocco un recettore."

AMPK, o adenosina monofosfato-activated protein chinasi, è al centro di diversi agenti di oggi, tra cui quelli per il diabete e le malattie metaboliche correlate. Si tratta di un regolatore metabolico master per le cellule che si attivano in tempi di ridotta disponibilità di energia, come la fame. L'attivazione di AMPK ha dimostrato di migliorare omeostasi energetica, profilo lipidico e la pressione sanguigna. L'enzima si attiva anche un noto soppressore tumorale, p53.

"La cosa principale è l'attivazione di AMPK nelle cellule tumorali", ha detto il dottor Arafat. "AMPK è il candidato perfetto come regola più destinazioni che sia arrestata la divisione delle cellule tumorali ed attivare la morte cellulare programmata. Anche se è ancora da determinare come il recettore di tipo 2 impone deregolamentazione dell'attività AMPK, l'identificazione del recettore di tipo 2 come un romanzo bersaglio per la terapia è molto emozionante "

Avanti, Dr. Arafat e colleghi ricercatori propongono di prendere questa ricerca in studi sugli animali. Sperano di indirizzare i recettori nella fase iniziale della malattia per capire meglio le sue capacità di prevenzione e di studiare anche la sua potenziale trattamento. Considerando il cancro del pancreas è in genere rilevato in fasi successive, trovare modi migliori per trattare i casi che hanno progredito più avanti sarebbe di grande beneficio per i pazienti.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha