'Buoni' batteri potrebbero salvare i pazienti dalle infezioni Infezione da Ones letale

Giugno 1, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Può essere che lo stress sul l'uso di antisettici e antibiotici negli ospedali è in realtà mettendo i pazienti a maggior rischio di subire infezioni batteriche fatale?

Sì, sostiene Mark Spigelman, visiting professor presso il Sanford F. Kuvin Centro per lo Studio delle Malattie Infettive e Tropicali presso l'Università Ebraica di Gerusalemme della Facoltà di Medicina. Prof. Spigelman indica un recente rapporto della BBC sui poveri record di infezioni batteriche nei pazienti (la peggiore in Europa) negli ospedali pubblici britannici, in particolare coinvolgendo l'MRSA mortale (methacillin Staphylococcus aureus resistente) batteri. Nonostante sia in giro per 40 anni, questi batteri sono ancora fondamentalmente trovano solo negli ospedali. La domanda Spigelman chiede è: perché?

Spigelman, che è anche visiting professor presso l'University College di Londra, sostiene in un articolo apparso nella corrente edizione online degli Annali del Royal College of Surgeons di Inghilterra che lo stress di antibiotici e di lavaggio con sapone antisettico può effettivamente aprire una via per le forme più virulente di batteri per attaccare pazienti. Questo perché queste misure "preventive" distruggere batteri benefici, mentre allo stesso tempo più batteri "cattivi" sono spesso in grado di sopravvivere adattarsi ai mezzi farmacologici nei loro confronti.




Dal momento che diversi ceppi di batteri in genere non occupano le stesse superfici, sarebbe meglio, sostiene Spigelman, per consentire i batteri "buoni" innocui o di vivere in ambiente ospedaliero, creando così una sorta di protezione naturale contro i ceppi letali.

Per testare la sua ipotesi, Spigelman suggerisce la sperimentazione con gli ospedali senza antibiotici in cui i batteri innocui sarebbero liberi di esistere e non ci sarebbe ambientale "incentivo" per i ceppi più virulenti di sviluppare. I pazienti che necessitano di antibiotici sarebbero stati trasferiti in ospedali dove sono in uso. Medici in ospedali privi di antibiotici non sarebbero entrati e curare i pazienti negli ospedali antibiotici utilizzando.

Sulla stessa linea, suggerisce che quando i medici finiscono lavarsi le mani con antisettici, potrebbero precipitare le mani in una soluzione satura di batteri innocui - ". Yogurt bioattiva" per esempio Lo stesso approccio, forse, deve essere applicato ai tessuti dei pazienti che devono essere esposti alla chirurgia.

Ammettendo che le sue idee possono sembrare assurdo per alcuni, il fatto è che l'MRSA è diffusa negli ospedali - anche in Israele e il Regno Unito - in cui vengono prese le antibiotici più avanzate e misure antisettiche più rigorose. Ci si deve chiedere, dice Spigelman, "perché più della stessa non sembra funzionare?" L'approccio suggerisce è che "dobbiamo iniziare a trattare la causa e non la conseguenza di questa malattia".

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha