Calcio e vitamina D supplementazione non è associato ad un rischio di cancro al seno ridotto

Marzo 29, 2016 Admin Salute 0 0
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

L'assunzione di integratori di calcio e vitamina D non riduce l'incidenza del cancro al seno nelle donne in postmenopausa, secondo i dati di uno studio randomizzato, raddoppiato cieco, controllato con placebo pubblicato sul Journal of National Cancer Institute.

Diversi studi osservazionali e preclinici hanno suggerito che supplementi di vitamina D può ridurre il rischio di cancro al seno, ma i risultati sono stati contraddittori.

Per verificare questa possibilità, i ricercatori hanno valutato l'incidenza del cancro al seno come endpoint secondario in studio Initiative di salute delle donne in 36.282 donne in postmenopausa che sono stati assegnati in modo casuale a prendere 1.000 mg di calcio, più di 400 UI di vitamina D al giorno o placebo al giorno. (L'endpoint primario dello studio era effetto degli integratori a frattura dell'anca.) Al basale livelli 25-idrossivitamina D sono stati determinati in tutti i 1.067 casi di cancro al seno e 1.067 soggetti di controllo.




Nella presente analisi, Rowan Chlebowski, MD, Ph.D., del Los Angeles Biomedical Research Institute presso Harbor-University of California Los Angeles Medical Center e colleghi hanno scoperto che l'incidenza di carcinoma mammario invasivo è stata simile nei gruppi di supplemento e placebo , con 528 e 546 casi, rispettivamente. Inoltre, i livelli di 25-idrossivitamina D sono stati solo modestamente associati con l'assunzione di vitamina D nella dieta e integrare e non sono stati associati con il rischio di cancro al seno in una analisi caso-controllo.

Questi risultati mettono in questione raccomandazioni per la valutazione di una maggiore dose di vitamina D in studi futuri, secondo gli autori. Inoltre, i livelli di 25-idrossivitamina D erano fortemente associati con magrezza e alta attività fisica, che sia influenza il rischio di cancro al seno, precedenti studi osservazionali relativi livelli di vitamina D al rischio di cancro al seno possono essere stati influenzati da questi fattori. "I principali risultati non supportano una relazione causale tra il calcio e la vitamina D uso di integratori e ridotto l'incidenza del cancro al seno", concludono gli autori.

In un editoriale di accompagnamento, Corey Speers e Powel Brown, MD, Ph.D., del Baylor College of Medicine di Houston applaudono sforzi degli autori per testare la questione in maniera così rigorosa. Anche se gli editorialisti concordano sul fatto che questi dati non supportano un'associazione tra calcio e vitamina D e l'incidenza del cancro al seno, essi sostengono che ulteriori indagini sono ancora necessari per rispondere in modo adeguato alla domanda, tra cui ricerca di influenze genetiche sulla vitamina D livelli sierici, integratori di prova nelle donne in premenopausa, e segue i partecipanti allo studio per un periodo più lungo follow-up.

"Poiché i risultati di prova preclinici, epidemiologici e clinici di supplementazione di vitamina D sono in conflitto, saranno necessari ulteriori studi per determinare se la vitamina D più calcio si pre¬vent il cancro al seno. Tuttavia, questo articolo di Chlebowski [e colleghi] offre un primo importante passo per affrontare il problema, "la scrittura editorialisti. "I potenziali benefici per la salute di vitamina D e calcio può ancora avere ancora un futuro luminoso."

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha