Cambiamenti vascolari legati alla demenza, dicono gli esperti

Giugno 24, 2016 Admin Salute 0 4
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Lo stesso processo che ostruiscono le arterie (aterosclerosi), che causa la malattia di cuore può anche portare a disturbi cognitivi vascolari legate all'età (VCI), secondo un nuovo/American Stroke Association dichiarazione scientifica American Heart Association pubblicato online in Stroke: Journal of the Heart americano Association.

Il deterioramento cognitivo, noto anche come demenza, comprende difficoltà nel pensare, ragionamento e la memoria, e può essere causato da malattia vascolare, morbo di Alzheimer, una combinazione di entrambi e altre cause.

L'aterosclerosi è una l'accumulo di placca nelle arterie associate ad un'elevata pressione sanguigna, il colesterolo, il fumo e altri fattori di rischio. Quando limita o blocca il flusso di sangue al cervello, si chiama malattia cerebrovascolare, che può portare a deficit cognitivo vascolare.




La malattia di Alzheimer è una malattia progressiva del cervello che danneggia e distrugge le cellule cerebrali. "Abbiamo imparato che la malattia cerebrovascolare e il morbo di Alzheimer possiamo lavorare insieme per causare deterioramento cognitivo e disturbo misto può essere il tipo più comune di demenza nelle persone anziane," ha affermato Philip B. Gorelick, MD, MPH, co-presidente della scrittura gruppo per l'istruzione e direttore del Center for Stroke Research presso la University of Illinois College of Medicine a Chicago.

La prevalenza della demenza aumenta con l'avanzare dell'età e colpisce circa il 30 per cento delle persone oltre i 80 anni di età, che costano più di 40.000 dollari l'anno per paziente negli Stati Uniti, secondo gli autori dichiarazione. . .

Trattare i fattori di rischio per le malattie cardiache e ictus con i cambiamenti dello stile di vita e di gestione medica può impedire o rallentare lo sviluppo di demenza in alcune persone, Gorelick detto. L'attività fisica, dieta sana, il peso corporeo sano, evitare il tabacco così come la pressione sanguigna e la gestione del colesterolo potrebbe notevolmente aiutare molte persone a mantenere le loro abilità mentali man mano che invecchiano.

"In generale, ciò che è buono per il cuore è buono per il cervello", ha detto Gorelick. "Anche se non è sicuramente ancora provata, trattamento e prevenzione di importanti fattori di rischio per ictus e malattie cardiache possono rivelarsi di preservare anche la funzione cognitiva con l'età."

Capire le cause più comuni di deficit cognitivo tardo-vita e la demenza ha avanzato e molti dei fattori di rischio tradizionali per l'ictus sono anche i marcatori di rischio per la malattia di Alzheimer e deterioramento cognitivo vascolare. Per esempio:

• Ridurre la pressione alta si consiglia di ridurre il rischio di deterioramento cognitivo vascolare. L'alta pressione sanguigna nella mezza età può essere un importante fattore di rischio per il declino cognitivo più tardi nella vita. • alti del colesterolo e di zucchero nel sangue anormale può anche contribuire a ridurre il rischio di deterioramento cognitivo vascolare, anche se sono necessari ulteriori studi per confermare il ruolo di questi interventi. • Smettere di fumare potrebbe ridurre il rischio di deterioramento cognitivo vascolare. • Aumentare l'esercizio fisico, che consumano un livello moderato di alcol (cioè, fino a 2 drink per gli uomini e 1 drink per le donne non gravide) per coloro che attualmente consumano alcol; e il mantenimento di un peso sano può anche ridurre il rischio di VCI, ma sono necessari ulteriori studi per confermare l'utilità. • vitamine Prendendo B o integratori antiossidanti, tuttavia, non impedisce il deterioramento cognitivo vascolare, malattie cardiache o ictus.

Identificare le persone a rischio di compromissione cognitiva è una strategia promettente per prevenire o rinviare la demenza e di risparmiare sui costi della salute pubblica, gli scrittori hanno detto. "Incoraggiamo i medici ad utilizzare strumenti di screening per rilevare il deterioramento cognitivo nei loro pazienti più anziani e continuare a trattare i rischi vascolari secondo le direttive nationally- o regionale accettate." Deterioramento cognitivo vascolare è più evidente dopo un ictus, ma ci potrebbero essere ripercussioni cognitivi da piccoli colpi, microsanguinamenti o aree di diminuzione del flusso sanguigno nel cervello che causano evidenti sintomi neurologici, secondo la dichiarazione.

In molti casi, i fattori di rischio per il deterioramento cognitivo vascolare sono le stesse per l'ictus, tra cui la pressione arteriosa alta, colesterolo alto, alterazioni del ritmo cardiaco e diabete. L'American Academy of Neurology e di associazione Alzheimer hanno sottoscritto la dichiarazione.

Altri membri del gruppo di scrittura sono: Angelo Scuteri, co-presidente, MD, Ph.D .; David Bennett, M.D .; Sandra E. Nero, M.D .; Charles DeCarli, M.D .; Helena C. Chui, M.D .; Steven M. Greenberg, M.D., Ph.D .; Randall T. Higashida, M.D .; Costantino Iadecola, M.D .; Lenore J. Launer, M.D .; Stephane Laurent, M.D .; Oscar L. Lopez, M.D .; David Nyenhuis, Ph.D .; Ronald C. Petersen, M.D., Ph.D .; Julie A. Schneider, M.D .; Christophe Tzourio, M.D., Ph.D .; Donna K. Arnett, Ph.D .; Ruth Lindquist, Ph.D., R.N .; Peter M. Nilsson, M.D., Ph.D .; Gustavo C. Romano, M.D .; Frank W. Sellke, M.D .; e Sudha Seshadri, MD Autore informativa sono sul manoscritto.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha