Cancerose o innocuo? Tre geni Potrebbe raccontare la storia

Giugno 13, 2016 Admin Salute 0 4
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

COLUMBUS, Ohio - La nuova ricerca suggerisce che i medici in grado di distinguere tra un tipo di cancro alla tiroide e, condizione della tiroide non-cancerose identico aspetto semplicemente determinando l'attività dei tre geni.

I risultati potrebbero portare a un test che impedirà l'inutile perdita della tiroide nelle persone con la condizione noncancerous.

Lo studio, condotto da ricercatori della Ohio State University Comprehensive Cancer Center - Arthur G. James Cancer Hospital e Richard J. Solove Research Institute, indica che i livelli di attività di tre geni - ciclina D2, PCSK2 (per le proteine ​​convertasi 2) e PLAB (prostata fattore di differenziazione) - potrebbe distinguere la condizione non cancerosa nota come adenoma follicolare (FA) da carcinoma follicolare della tiroide (FTC).




I risultati, pubblicati online sul Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism, forniscono anche spaccato i cambiamenti genetici che si verificano nei casi in cui FA diventa FTC.

"Attualmente, i medici non riescono a distinguere tra queste due condizioni, senza rimozione chirurgica della tiroide, anche se solo il 10 per cento dei casi rivelarsi cancerogene", spiega il ricercatore principale Charis Eng, direttore del programma di genetica del cancro clinica di OSU. "Adenoma follicolare spesso non richiede un intervento chirurgico, e certamente non così ampia come per un cancro."

"Questo è il primo passo per determinare se possiamo usare questi tre geni come un modo oggettivo per dire se un paziente ha il cancro o semplicemente un adenoma benigno prima di inviare la persona a un intervento chirurgico", dice Eng, titolare della cattedra di Klotz Cancer Research e un destinatario del Doris Duke Clinical Distinguished Scientist Award.

Si stima che circa 25.690 americani saranno con diagnosi di cancro alla tiroide di quest'anno, e si stima che 2.370 persone muoiono di questa malattia. La grande maggioranza dei casi di cancro della tiroide comincia come noduli tiroidei, che si sviluppano in circa il 7 per cento degli adulti americani (circa 275.000 persone nel 1999).

Per determinare se noduli tiroidei sono cancerogene, i medici di solito si ritirano le cellule dai noduli con una procedura nota come agoaspirato biopsia. Un patologo esamina poi le cellule per determinare se sono noncancerous (benigno) o cancerose.

Ma se i noduli sono costituiti da cellule follicolari della tiroide, Eng dice, "è spesso impossibile dire se sono benigni o cancerose."

Così la persona è inviato alla chirurgia, e l'intera tiroide viene spesso rimosso. In definitiva, tuttavia, solo il 10-20 per cento di questi casi sono in realtà cancerose. La grande maggioranza dei pazienti quindi sottoporsi ad intervento chirurgico inutile e la perdita della tiroide.

Questi pazienti devono quindi assumere le compresse tiroide-ormone sintetico quotidiana per la vita, con test regolari per regolare il dosaggio.

Per questo studio, Eng ei suoi colleghi hanno utilizzato la tecnologia gene chip per confrontare i livelli di attività genica nei noduli di 12 pazienti con FA e 12 pazienti con FTC. Il confronto includeva quattro casi di precoce (cioè, poco invasive) FTCs.

Analisi Gene-chip confronta i livelli di attività di decine di migliaia di geni - in questo caso, 33.000 geni - in un campione alla volta.

I ricercatori si sono concentrati su tre geni che hanno mostrato le maggiori differenze di attività. Un gene era quasi 145 volte più attivo, un secondo era otto volte più attivo e il terzo era 12 volte meno attivo nelle cellule FTC rispetto alle cellule FA.

I ricercatori hanno confermato i risultati gene-chip su due ulteriori set di campioni di tessuto con le altre due misure di attività del gene - una forma di reazione a catena della polimerasi (PCR) e immunoistochimica. I test hanno mostrato che convalida i tre geni potrebbero distinguere FTC da FA con un'accuratezza di 96,7 per cento.

Successivamente, i ricercatori potranno confermare i loro risultati usando fresco tiroide tessuto nodulo follicolare ottenuto con agoaspirato. Questo lavoro è in corso.

Altri ricercatori OSU coinvolti in questo studio sono stati Frank Weber, ricercatore post-dottorato nel laboratorio del Eng; Lei Shen, assistente professore di statistica; Carl D. Morrison, assistente professore di patologia; Matthew D. Ringel, professore associato di medicina interna e co-direttore del gruppo di cancro alla tiroide a James Cancer Hospital e Solove Research Institute.

Il finanziamento della Ohio State University Comprehensive Cancer Center - Arthur G. James Cancer Hospital e Richard J. Solove Research Institute sostenuto questa ricerca.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha