Cancro alla prostata aumenta il rischio di fratture ossee, studio mostra

Aprile 28, 2016 Admin Salute 0 0
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Per quanto improbabile possa sembrare, scienziati dell'Istituto Garvan di ricerca medica hanno dimostrato che esiste un legame tra il cancro alla prostata e un maggior rischio di frattura ossea.

L'analisi dei dati da Dubbo Osteoporosis Epidemiology Study di Garvan suggerisce che gli uomini con cancro alla prostata affrontano un rischio maggiore del 50% di frattura, che aumenta il rischio quasi raddoppiato se stanno assumendo un trattamento.

"Questo è un settore controverso che è stato oggetto di discussione per almeno tre anni", ha detto di Garvan Professore Associato Tuan Nguyen, che ha avviato lo studio dopo aver sentito la speculazione sul concetto. "Ci sono voluti circa due anni per assemblare e analizzare i dati. I risultati suggeriscono un legame tra le due malattie, anche se ancora non capiamo i meccanismi."




Il professor Nguyen ei suoi colleghi hanno studiato 822 uomini da Dubbo per quasi 20 anni. Questi uomini erano tutti di età compresa tra 60 anni nel 1989, quando è iniziato lo studio. Dei 822 uomini, 43 successivamente sviluppato il cancro alla prostata. Twenty-due degli uomini hanno ricevuto ADT (terapia di deprivazione androgenica) e 21 no. Rispetto agli uomini senza cancro della prostata, quelli con la malattia hanno mostrato un aumento del 50% del rischio di frattura. Per quelli in trattamento con ADT, il rischio aumentato di circa due volte.

"I risultati hanno importanti implicazioni nella pratica per diversi motivi", ha detto Nguyen. "In primo luogo, la maggior parte degli uomini che hanno sviluppato il cancro alla prostata è iniziato con una maggiore BMD (densità minerale ossea) rispetto alla media. In secondo luogo, il cancro alla prostata sviluppando chiaramente aumentato il loro rischio di frattura. In terzo luogo, il trattamento ADT raddoppiato il rischio di fratture."

"Ci sono fattori in gioco che noi non comprendiamo ancora. Ovviamente maggiore BMD degli uomini con cancro alla prostata non li protegge contro le fratture. Esattamente quello che i meccanismi sono al lavoro non sono chiare."

"L'osteoporosi negli uomini spesso rimane non trattata, anche dopo una frattura. E 'altamente improbabile, quindi, che nessuno degli uomini a rischio più elevato saranno sottoposti a terapia anti-frattura."

"Il messaggio chiaro che esce da questo studio è che gli uomini con cancro alla prostata dovrebbero prendere in considerazione in cerca di valutazione per l'osteoporosi, in particolare se essi vengono trattati con ADT."

"Sempre più stiamo vedendo i modi in cui le malattie sono collegate. Non si può isolare l'osteoporosi di cancro dal diabete e così via. Nel trattamento di una malattia, dobbiamo stare attenti a non aumentare il rischio di un altro. Come si capisce queste connessioni , si impara meglio trattare tutta la persona. "

I risultati sono stati appena pubblicato online sulla rivista Bone.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha