Cancro della vescica collegato agli androgeni e recettore degli androgeni nei topi

Marzo 13, 2016 Admin Salute 0 6
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Ormoni sessuali maschili e dei loro recettori possono essere coinvolti nello sviluppo e nella progressione del cancro alla vescica, secondo uno studio nei topi pubblicati 4 aprile Journal of National Cancer Institute.

Gli uomini hanno una considerevolmente più alta incidenza di cancro alla vescica rispetto alle donne, anche se le motivazioni rimangono un mistero. Il carcinoma della vescica è stato collegato all'esposizione al fumo di sigaretta e prodotti chimici industriali, ma non è stato precedentemente considerato ad essere influenzato dagli ormoni sessuali maschili, chiamati androgeni.

Chawnshang Chang, Ph.D., della University of Rochester Medical Center di Rochester, NY, ha utilizzato un cancerogeno chimico per indurre il cancro della vescica in normali topi maschi e femmine e in topi privi recettori degli androgeni funzionali. Sono anche trattati linee di cellule di cancro della vescica umane per ridurre i livelli di androgeni o l'attività del recettore degli androgeni. Alcune di queste linee cellulari sono state iniettate in topi.




Nessuno dei topi privi di recettori degli androgeni sviluppato cancro alla vescica quando vengono trattati con la sostanza cancerogena, mentre più del 92 per cento dei normali topi maschi e il 42 per cento del normale topi femmina ha fatto. Le cellule tumorali della vescica umane con livelli di androgeni ridotti o l'attività del recettore degli androgeni è cresciuto più lentamente nella cultura e nei topi poi cellule con normali livelli di androgeni e recettori degli androgeni.

"I risultati presentati qui hanno il potenziale di fornire la base per lo sviluppo di nuovi approcci preventivi o terapeutici per il cancro della vescica, via androgeni di targeting e il [recettore degli androgeni]," scrivono gli autori.

Nota: La Gazzetta del National Cancer Institute è pubblicata dalla Oxford University Press e non è affiliated con il National Cancer Institute.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha