Cancro pediatrico e cure palliative: le preferenze dei genitori nei confronti dei professionisti sanitari

Giugno 13, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

I genitori dei bambini in fase palliativa del favore cancro chemioterapia aggressiva su una terapia di supporto rispetto a operatori sanitari, afferma un articolo CMAJ (Canadian Medical Association Journal).

Il cancro è la seconda causa più comune di morte per i bambini da 5 a 14 in America del Nord. Quando è improbabile che il cancro sarà guarito, i genitori e gli operatori sanitari devono spesso scegliere tra continuare trattamenti aggressivi o fornendo sola terapia di supporto per alleviare il disagio.

"La scelta tra chemioterapia palliativa e sola terapia di supporto è una delle decisioni più importanti e difficili per i genitori di bambini in cui la malattia non può essere curata", scrive il dottor Lillian Sung, Divisione di Ematologia/Oncologia, The Hospital for Sick Children (SickKids) , Toronto, con coautori.




I ricercatori hanno cercato di confrontare le preferenze tra i genitori e gli operatori sanitari nel prendere queste decisioni. Tra questi 77 genitori i cui figli (di età inferiore ai 18) non aveva alcuna possibilità ragionevole di recupero da cancro così come i medici 128 dipendenti, compagni anziani, infermieri e assistenti sociali che lavorano con i malati di cancro in età pediatrica.

Hanno trovato che il 55% dei genitori ha favorito chemioterapia su terapia di supporto rispetto al 16% del personale sanitario. Gli operatori sanitari hanno terapia di supporto in modo più positivo di genitori. I ricercatori suggeriscono che "i genitori possono concentrarsi più sulla speranza per il loro bambino rispetto a operatori sanitari, che sono più consapevoli di eventuali esiti dato le loro esperienze con i tanti bambini simili."

"Nonostante la grande importanza classifica hanno assegnato per la qualità del loro bambino di vita, i genitori hanno riferito che avrebbero accettato la chemioterapia, anche se ha ridotto sia la qualità della vita e la sopravvivenza di tempo", scrivono gli autori. "Questo risultato dimostra la complessità del processo decisionale."

Essi concludono che è importante per gli operatori sanitari di essere a conoscenza delle diverse attitudini alla chemioterapia aggressiva e per raccogliere e comunicare le informazioni ai genitori per quanto riguarda la qualità della vita e la sopravvivenza durante il processo decisionale.

In un commento correlato Caprice Knapp e il dottor Kelly Komatz, University of Florida, scrivono che "poco si sa circa le preferenze decisionali circostanti cure di fine-vita per i bambini" e che questo studio di ricerca si aggiunge alle informazioni limitate sul finale della vita decisionale in cure palliative pediatriche.

"Questo studio è importante perché mette in evidenza l'incongruenza tra le preferenze dei genitori e operatori sanitari," Stato gli autori. "Tuttavia, è possibile che le maschere questa incongruenza maggiore preoccupazione:. Problemi di comunicazione o aspettative non realistiche"

Sung aggiunge che i risultati offrono l'opportunità "per educare le famiglie che la chemioterapia e cure palliative non devono escludersi a vicenda. Il nostro obiettivo è lavorare con le famiglie per mantenere la speranza, ottimizzando la qualità del bambino di vita."

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha