Cancro ricercatori scoprono cellule staminali pre-leucemiche alla radice di AML, ricaduta

Aprile 8, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Cancro ricercatori guidati dallo scienziato di cellule staminali Dr. John Dick hanno scoperto una cellula staminale pre-leucemiche, che può essere il primo passo per l'avvio della malattia e anche il colpevole, che elude la terapia e fa scattare recidiva nei pazienti con leucemia mieloide acuta (AML).

La ricerca, pubblicata online oggi su Nature è un salto significativo nella comprensione dei passaggi che una cellula normale deve passare attraverso come si trasforma in AML, dice il Dr. Dick, e pone le basi per far avanzare la medicina del cancro personalizzata da individui potenzialmente identificativi che potrebbero beneficiare di mira il cellule staminali pre-leucemiche. AML è una cancro del sangue aggressivo che la nuova ricerca mostra inizia a cellule staminali nel midollo osseo. Dr. Dick, senior scientist al Princess Margaret Cancer Centre, University Network Salute (UHN), e Professore presso il Dipartimento di Genetica Molecolare, Università di Toronto, pioniere nel campo delle cellule staminali del cancro da prima che identificano le cellule staminali della leucemia (1994) e del colon le cellule staminali del cancro (2007).

"La nostra scoperta pone le basi per individuare e indirizzare il cellule staminali pre-leucemiche e quindi potenzialmente fermare la malattia in una fase molto precoce, quando potrebbe essere più suscettibili di trattamento", afferma Dr Dick, che detiene una Canada Research Chair in Stem Biologia Cellulare ed è anche direttore del Stem Programma cellula tumorale presso l'Istituto Ontario per la Ricerca sul Cancro (OICR).




"Ora abbiamo un potenziale strumento per la diagnosi precoce che potrebbe consentire un intervento precoce prima dello sviluppo di una piena AML. Possiamo anche monitorare la remissione e iniziare la terapia a bersaglio cellule staminali pre-leucemiche per prevenire le ricadute," dice.

I risultati mostrano che in circa il 25% dei pazienti con LMA, una mutazione nel gene causa DNMT3a cellule staminali pre-leucemiche per sviluppare tale funzione come le cellule staminali del sangue normali, ma crescono in modo anomalo. Queste cellule sopravvivono chemioterapia e possono essere trovati nel midollo osseo in remissione, formando un serbatoio di cellule che possono eventualmente acquisire ulteriori mutazioni, che porta alla ricaduta.

La scoperta delle cellule staminali pre-leucemiche è venuto fuori un grande malattia della squadra leucemia che il dottor Dick assemblato e comprendeva gli oncologi che hanno raccolto i campioni per la principessa Margaret Cancer Centre Biobanca e scienziati genoma del OICR che hanno sviluppato sofisticati metodi di sequenziamento mirato. Con questa squadra, è stato possibile effettuare analisi genomica di più di 100 geni leucemia su molti campioni. I risultati inoltre capitalizzati sui dati provenienti da più di sei anni di esperimenti in laboratorio del Dr. Dick coinvolgono crescente AML umano nei topi speciali che non rifiutano le cellule umane.

"Con scrutando la scatola nera di come si sviluppa il cancro nei mesi e negli anni precedenti a quando viene diagnosticata, abbiamo dimostrato un risultato unico. La gente tende a pensare ricaduta dopo la remissione significa la chemioterapia non ha ucciso tutte le cellule tumorali. Il nostro studio suggerisce che in alcuni casi la chemioterapia fa, infatti, sradicare AML, ciò che non tocca sono le cellule staminali pre-leucemiche, che possono innescare un altro ciclo di sviluppo AML e in ultima analisi la malattia recidiva ", afferma Dr Dick, che anticipa il risultati si riproducono sviluppo accelerato farmaci a bersaglio specifico DNMT3a.

Questi risultati dovrebbero anche fornire un impulso per i ricercatori alla ricerca di cellule pre-cancerose nei pazienti LAM con altre mutazioni e anche nei tumori non-sangue.

Dr. Dick è anche rinomato per isolare una cellula staminale del sangue umano nella sua forma più pura (2011) - come una singola cellula staminale in grado di rigenerare l'intero sistema sanguigno. Egli è uno scienziato senior presso McEwen Centre UHN di Medicina Rigenerativa e co-leader di un Cancer Stem Consorzio cellulare (CSCC) ricerca costituito un fondo di progetto HALT (Highly Active Anti-leucemia Stem Cell Therapy), che è una partnership tra CSCC e la California Istituto per la medicina rigenerativa.

Per più di 20 anni, la ricerca del Dr. Dick si è concentrata sulla comprensione dei processi cellulari che mantengono la crescita del tumore, indagando le complessità e le interazioni tra i determinanti genetici e non genetici del cancro. La sua ricerca segue l'originale 1961 la scoperta delle cellule staminali del sangue da principessa Cancer Centre Margaret (ex Ontario Cancer Institute) scienziati Dr. James Till e compianto Dr. Ernest McCulloch, che ha costituito la base di tutte le attuali ricerche sulle cellule staminali.

La ricerca pubblicata oggi è stata sostenuta dalla Stem Cell Consortium Cancer (HALT leucemia Disease Team) con il finanziamento del governo del Canada attraverso Genome Canada (GC) e l'Ontario Genomics Institute (OGI), e attraverso la Canadian Institutes of Health Research (CIHR ), CIHR, Canadian Cancer Society, Terry Fox Foundation, GC attraverso l'OGI, OICR con il finanziamento del governo dell'Ontario, una sedia di ricerca del Canada, il Ministero della Salute dell'Ontario e cura a lungo termine, e il Cancer Foundation principessa Margaret. Il Centro di Medicina Rigenerativa McEwen con fondi messi a disposizione attraverso il Gentle Ben Carità, la partnership di CIHR con l'anemia aplastica e mielodisplasia Association of Canada, e il Consiglio svedese della ricerca supportata borsisti post-dottorato del team di ricerca.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha