Capacità di Drug Testing di invertire Corsa Dopo finestra standard di tre ore ha chiuso

Aprile 21, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Pazienti con ictus ischemico che arrivano in ospedale troppo tardi per ricevere le opzioni terapeutiche attualmente disponibili potrebbero un giorno avere una nuova opzione di trattamento. Northwestern Memorial Hospital è l'unico sito a Chicago per partecipare in uno studio di fase III di abciximab (ReoPro - Centocor/Eli Lilly and Company), che cerca di determinare la capacità del farmaco di migliorare la funzione neurologica e di minimizzare la disabilità nei pazienti che presentano un acuto ictus ischemico.

"TPA è l'unico trattamento approvato dalla FDA per l'ictus ischemico entro tre ore dall'esordio, ma la maggior parte dei pazienti non può essere trattata con esso, perché arrivano in pronto soccorso più di tre ore dopo si è verificato la loro corsa", spiega Richard Bernstein, MD , Ph.D., un neurologo colpo al Northwestern Memorial Hospital e assistente professore di neurologia alla Feinberg School of Medicine della Northwestern University. "I risultati preliminari con abciximab suggeriscono potremmo essere in grado di utilizzarlo per estendere questa finestra temporale di sei ore e forse usarlo per trattare i molti pazienti che si svegliano dal sonno con un colpo. Al momento, non esiste alcun trattamento acuto approvato per questi pazienti e abciximab può rappresentare un nuovo approccio ".

Abciximab impedisce piastrine di grumi formano, e aiuta anche a diminuire la formazione di coaguli che si sono già formate. Poiché i risultati ictus ischemico da coaguli che ostruiscono le arterie che forniscono sangue al cervello, ha senso per testare questo agente in ictus. Lo studio di ricerca attualmente in corso, denominato AbESTT-II, è uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo di abciximab in ictus acuto. E 'sponsorizzato da Eli Lilly e Centocor, e cerca di arruolare 1.800 partecipanti in tutto il mondo.




A differenza di altri trattamenti sperimentali per aprire le arterie bloccate in corsa oltre tre ore abciximab può essere somministrato in una vena del braccio e non richiede procedure invasive aggiuntivi. "Abciximab è stato usato per anni dai cardiologi per aiutare a mantenere le arterie coronarie malate aperta", spiega il dottor Bernstein. "Se questo trattamento si dimostra sicuro ed efficace in fase acuta, potrebbe essere utilizzato in qualsiasi stanza di emergenza in tutto il paese. Questo potrebbe cambiare radicalmente il modo in cui trattiamo questa malattia comune e devastante."

I partecipanti sono potenzialmente eleggibili per questo studio se possono ricevere il farmaco in studio o placebo entro 6 ore dall'esordio dell'ictus, o se si svegliano dal sonno con un colpo e possono ricevere il farmaco in studio o placebo entro tre ore di risveglio.

Un ictus acuto si verifica quando un vaso sanguigno viene bloccato nel cervello. Questo blocco impedisce ossigeno e nutrienti nel sangue da sempre alla parte del cervello, provocando la morte di quella parte del cervello. Coaguli di sangue si formano quando le cellule chiamate piastrine si legano l'uno all'altro e ad altri componenti del sangue. Poiché danno permanente può essere fatto al cervello più lungo non ottiene sangue e ossigeno, è importante ripristinare il flusso di sangue più rapidamente possibile.

L'ictus è la terza causa di morte nel mondo, con conseguente circa cinque milioni di morti ogni anno. E 'la principale causa di disabilità adulta a lungo termine. Circa l'85 per cento di tutti gli ictus ischemico sono definiti, il che significa che sono causati da un coagulo di sangue o placca che blocca un vaso sanguigno nel cervello.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha