Cellule tumorali circolanti forniscono un'istantanea genomica del cancro al seno

Aprile 4, 2016 Admin Salute 0 7
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

L'impronta genetica di un cancro metastatico è in continua evoluzione, il che significa che la terapia che potrebbe aver fermato la crescita del cancro di un paziente di oggi, non necessariamente lavorare domani. Anche se i medici possono continuare a biopsia cancro durante il corso del trattamento e inviare i campioni per l'analisi genomica, non tutti i pazienti possono ricevere biopsie ripetute. Prendendo biopsie da pazienti con cancro metastatico è una procedura invasiva che è spesso impossibile a causa della mancanza di lesioni accessibili. La ricerca pubblicata 10 ottobre a Breast rivista Cancer Research suggerisce che le cellule tumorali circolanti nel sangue di pazienti metastatici potrebbero dare come precisi a genomici come biopsie lettura-out tumorali.

"Contare il numero di cellule tumorali circolanti (CTC) può dirci se il cancro di un paziente è aggressivo, o se è stabile e la risposta alla terapia", dice il primo autore dell'articolo, Sandra V. Fernandez, Ph.D., assistente professore di Oncologia Medica presso Thomas Jefferson University. "Il nostro lavoro suggerisce che queste cellule tumorali nel sangue anche riflettere accuratamente lo stato genetico del tumore genitore o delle sue metastasi, potenzialmente dandoci un trattamento nuovo e facile fonte di informazioni genomiche per guidare."

Primo scoperto per il loro potenziale diagnostico nel 2004, cellule tumorali circolanti stanno cominciando ad essere utilizzati in clinica per aiutare le decisioni terapeutiche guida e seguire i progressi di un paziente come il tumore progredisce. Anche se altri studi hanno messo in comune le CTC raccolto e confrontato la loro firma genetica collettiva a quella del tumore primario, questo è il primo studio a guardare la firma genomica delle cellule tumorali singole in circolazione. Al fine di isolare le cellule tumorali singole dal sangue, gli autori hanno usato una nuova tecnologia, DEPArrayTM, disponibile nei loro laboratori.




I ricercatori hanno confrontato biopsie tissutali chirurgicamente rimosso da due pazienti con cancro al seno infiammatorio con cellule tumorali circolanti (CTC). Campioni di tessuto del seno di entrambe le pazienti hanno mostrato una specifica mutazione in una regione di un p53 cancro-guida gene,. Gli autori hanno studiato questa mutazione in alcuni CTC isolati da entrambi i pazienti. Essi hanno scoperto che in molti dei CTC collezionati, le mutazioni abbinato con la biopsia tumorale, ma in un paziente, alcune delle cellule tumorali circolanti avuto una mutazione aggiuntivo. "Dal momento che il cancro al seno infiammatorio è una malattia molto rapida evoluzione, pensiamo che questa mutazione supplementare può essere stata acquisita dopo la biopsia chirurgica originale è stata presa", ha detto il dottor Fernandez. Nel caso in cui è stata trovata una mutazione p53 supplementare, il sangue per isolare CTC sono stati elaborati un anno dopo rispetto alla biopsia del tessuto del seno è stata presa.

Anche se è necessario un ulteriore lavoro di analisi di un maggior numero di geni e di campioni, il lavoro mostra che CTC offrono la possibilità di catturare le informazioni genomiche più attuali in un facile da ottenere campioni come il sangue, contribuendo in tal modo le decisioni di trattamento guida. Si suggerisce anche che può essere necessario per testare più di una cella per la lettura più precisa, in quanto la popolazione CTC sembra essere eterogenea.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha