Centri per l'ictus certificati più propensi a dare farmaci coagulo-busting

Maggio 18, 2016 Admin Salute 0 0
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Pazienti con ictus sono tre volte più probabilità di ricevere farmaci trombolitico se trattato in un centro ictus certificata, secondo uno studio del Journal of American Heart Association.

Tessuto endovenosa plasminogeno (tPA) è l'unico farmaco approvato dalla Food and Drug Administration per il trattamento di emergenza per le persone che hanno ictus ischemico (coagulo-causati). Il Durg può ridurre la disabilità ictus.

"Il concetto centrale della corsa si è rapidamente decollata, e questo dato dimostra in un modo che i centri certificati stanno facendo meglio di centri non certificati", ha detto Michael T. Mullen, MD, autore principale dello studio e assistente professore di neurologia presso la Perelman Facoltà di Medicina presso l'Università della Pennsylvania a Philadelphia.




I ricercatori hanno esaminato i dati di dimissione ospedaliera su 323.228 pazienti con ictus ischemico da 26 stati in 2004-09.

Il coagulo-buster è stato somministrato a:

  • 3,1 per cento dei pazienti totali;
  • 6,7 per cento dei pazienti nei centri ictus primari certificati dalla Commissione mista; e
  • 2,2 per cento dei pazienti in altre strutture.

Dopo i ricercatori aggiustati per le caratteristiche del paziente e degli impianti, hanno trovato la probabilità di ricevere tPA era ancora quasi due volte più elevato nei centri ictus certificati.

Nel corso del tempo, tPA uso è aumentato dal 6 per cento al 7,6 per cento nei centri ictus primario certificati e 1,4 per cento al 3,3 per cento negli ospedali non certificati.

Durante una corsa, il flusso di sangue deve essere ripristinato in modo rapido e tPA può essere somministrato solo nelle prime ore dopo comparsa dei sintomi.

"Tra il 10 per cento al 15 per cento dei pazienti che arrivano in ospedale con ictus ischemico sono idonei a ricevere tPA", ha detto Eric Smith, MD, presidente della Get American Heart Association/American Stroke Association con il programma Guidelines®-Stroke miglioramento della qualità e professore associato di neurologia presso l'Università di Calgary. "Questa ricerca indica che il programma di certificazione sembra funzionare, e che il trattamento sta migliorando nel tempo. Diversamente il miglioramento della percentuale di pazienti trattati con tPA, non abbiamo visto miglioramenti simili nella velocità con cui i pazienti sono valutati e trattati, e questo è un fattore importante nel determinare il risultato ".

Target L'American Heart Association/American Stroke Association: programma Stroke aiuta ospedali trattano il 50 per cento o più dei pazienti entro la prima ora dopo il loro arrivo.

In collaborazione con la Commissione mista, l'associazione offre anche la certificazione di strutture che soddisfano criteri come Comprehensive Stroke Center.

"Abbiamo bisogno di sistemi più completi di cura per assicurarsi che i pazienti sono sempre per la migliore struttura per curare la loro corsa - e arrivare il più rapidamente possibile", ha detto Smith.

Al primo segno di un ictus, chiamare il 911 per arrivare alla struttura che fornisce un trattamento appropriato. L'American Stroke Association ha più informazioni e strumenti, tra cui un nuovo mobile app, che può aiutare a riconoscere e rispondere ai sintomi di ictus.

Co-autori sono Scott Kasner, M.D .; Michael Kallan, M.S .; Alba Kleindorfer, M.D .; Karen Albright, D.O., M.P.H .; e Brendan Carr, M.D., M.S.

L'Agenzia per la Sanità la ricerca di qualità, National Institutes of Health, ha finanziato la ricerca.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha