Cervicale Screening del cancro: troppi sono lasciati non protetti

Maggio 30, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Il declino nel cancro cervicale è una storia di successo della ricerca sul cancro. Anche se ci sono ragioni per essere ottimisti circa anche ulteriori riduzioni di incidenza del cancro del collo dell'utero, permangono ancora alcune donne che non sono proiettati.

Una meta-analisi di Spence e colleghi pubblicato in Medicina Preventiva mostra che in fase di Pap test irregolare o non era la spiegazione principale per lo sviluppo del cancro cervicale invasivo, seguito da falsi test negativi e poveri follow-up dei risultati anomali.

Papanicolaou e Traut segnalati l'utilità del PAP test ('' Pap test ") per la rilevazione di cellule cervicali neoplastiche nel 1943. A striscio di cellule della cervice uterina che indicano la progressione crescente malignità del tumore ha fornito un potente strumento di screening che è diventato rapidamente usato dopo la seconda guerra mondiale senza che la sua efficacia in corso di valutazione in uno studio randomizzato. Negli Stati Uniti, il Pap test è merito di aver dimezzato il tasso di incidenza del cancro del collo dell'utero annuale (17,2-8,0 per 100.000) e il tasso di mortalità (6,2-2,9) 1973-1999.




Nel 2000, l'83% delle donne statunitensi 18 anni di età e che non avevano avuto un'isterectomia riferito di aver avuto un Pap test negli ultimi 3 anni. La recente scoperta di un vaccino contro il papillomavirus umano (HPV), la principale causa di cancro cervicale, apre la strada alla prevenzione primaria della malattia.

La storia naturale della progressione del cancro del collo dell'utero unita alla disponibilità di un vaccino contro l'HPV e di un test di screening efficace indicano che l'eradicazione della malattia è un obiettivo plausibile.

Per raggiungere questo obiettivo, tuttavia, è importante non rinunciare a una minoranza di donne che non beneficiano appieno metodi di prevenzione disponibili e purtroppo non riescono a raggiungere da messaggi di promozione della salute. Dr. Eduardo Franco, ricercatore principale dello studio, ha commentato i risultati: "Il cancro cervicale è una malattia sentinella iniquità La disparità socio-economico già visto con la disponibilità dello screening potrebbe aggravare se la vaccinazione non riesce a raggiungere le figlie di donne a maggior rischio. . Come madri, come figlie. quest'ultimo non vaccinati e non protetto da controlli a termine, contribuiranno alla triste realtà delle statistiche di cancro cervicale in futuro La soluzione è quella di procedere alla vaccinazione e lo screening strategie universali, con quest'ultimo modificato per rendere conveniente uso di risorse limitate. "

L'articolo, "Processo di fallimenti di assistenza in cancro cervicale invasivo: Revisione sistematica e meta-analisi" appare in Medicina Preventiva, Volume 45, numero 2-3, agosto-settembre del 2007, pubblicato da Elsevier.

(0)
(0)
Articolo successivo The Wicked Witch of All

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha