Chiamare 9-1-1 può essere la differenza tra la vita e la morte, nuovo studio riconferma

Marzo 28, 2016 Admin Salute 0 1
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Il tempo è fondamentale per i pazienti vivendo un attacco di cuore, e chiamando il 911 primo accesso velocità volontà di trattamento salvavita, secondo MedStar Cuore & Vascular Institute ricercatori cardiologia. In un nuovo studio pubblicato su Cardiovascular rivascolarizzazione Medicine, i ricercatori hanno trovato che i pazienti trasportati in ospedale dai primi soccorritori sono stati trattati più velocemente di quelli che hanno utilizzato il loro trasporto.

"Vogliamo che la gente a fidarsi di loro cura di professionisti medici e chiedono aiuto ai primi segni premonitori di un attacco di cuore", ha detto Lowell F. Satler, MD, lo studio co-autore e direttore del laboratorio di cateterizzazione cardiaca presso MedStar Heart & Vascular Institute a MedStar Washington Hospital Center. "Il nostro messaggio è semplice. Non chiamare un parente o un amico o guidare se stessi o gli altri in ospedale. Chiamare il 911 prima può essere la differenza tra la vita e la morte."

Allarmante, tre quarti dei pazienti nello studio hanno scelto di guidare o se stessi o sono stati guidati da qualcun altro o con i mezzi pubblici utilizzati, indicando una maggiore necessità di sensibilizzazione della comunità e la divulgazione.




Lo studio ha valutato la (DTB) tempo "door-to-balloon", ovvero il tempo che intercorre tra quando un paziente arriva in pronto soccorso (ED) e quando una procedura di angioplastica ripristina il flusso sanguigno. Lo studio ha mostrato che l'83 per cento dei pazienti con infarto che hanno utilizzato i servizi medici di emergenza (EMS) ha raggiunto la cateterizzazione cardiaca Laboratorio in meno di 90 minuti - il gold standard - rispetto al 54 per cento dei pazienti auto-trasportato. Il tempo mediano DTB stato 20 minuti più breve quando i pazienti sono arrivati ​​dallo SME di quando erano auto-trasportato: 65 minuti contro 85.

"Ogni secondo è sprecato tessuto cardiaco perso. Il flusso di sangue più velocemente viene ripristinato al cuore, le maggiori possibilità di sopravvivenza e di recupero", ha aggiunto il dottor Satler. "E 'importante cercare aiuto addestrato il più rapidamente possibile chiamando il 911. Nel lungo periodo, un efficiente fornitore EMS corrisponde con tempestiva, trattamento salvavita."

Lo studio retrospettivo è stato condotto tra il gennaio 2007 e il dicembre 2012. I ricercatori hanno analizzato 309 pazienti che hanno subito un blocco completo di un'arteria del cuore, conosciuta come sopraslivellamento ST infarto miocardico (STEMI), il tipo più grave di attacco di cuore, e sottoposti angioplastica presso il Center Hospital. Di questi, 226 pazienti sono arrivati ​​con l'auto-trasporti e 83 pazienti sono stati trasportati dal District of Columbia Fire and Emergency Medical Services (DCFEMS,), che è l'unico fornitore di SME nel distretto. La maggior parte dei pazienti in entrambi i gruppi è arrivato al ED durante le ore.

Lo studio ha concluso che i pazienti EMS-trasportati passano meno tempo in fase di triage in PS rispetto a quelli che sono arrivati ​​da auto-trasporti. Questo perché il personale DCFEMS possono iniziare il trattamento subito in loco e in rotta verso l'ospedale, accelerare la comunicazione tempestiva delle informazioni mediche critiche direttamente con il personale ED ospedale prima che il paziente arrivi.

MedStar Washington Hospital Center e due ospedali DC hanno integrato il sistema CODE STEMI con DCFEMS dove eventuali sospetti pazienti con STEMI del Distretto sono trasportati in uno di questi centri cardiaci primari. Il sistema attiva la pre-notifica e la trasmissione dell'elettrocardiogramma (ECG), mobilitando l'ospedale ED e le squadre di cateterizzazione di muoversi rapidamente questi pazienti per angioplastica d'emergenza.

"Questo studio è una grande conferma del nostro duro lavoro nel corso degli anni a fuoco continua e lo SME. Abbiamo sostenuto vasta 9-1-1 spedizione e l'educazione paramedico, nonché la distribuzione di tecnologia all'avanguardia per trasmettere EKGs ai tre DC STEMI ospedali ", ha dichiarato David Miramontes, MD, FACEP, direttore medico, DCFEMS. "La nostra partnership di cooperazione con questi centri ora è stato dimostrato a beneficio di coloro che serviamo, sfruttando un approccio basato sul sistema di assistenza cardiaca. Si tratta di persone vitale sapere che hanno una migliore possibilità di sopravvivere a un attacco di cuore, se chiamano 9-1 -1. "

Lo studio suggerisce il pubblico ha bisogno di più formazione su quando chiamare il 911 e come cercare il trattamento di un possibile attacco di cuore, in particolare di un STEMI. Trattamento rapido può aiutare limitare i danni al cervello o cuore e aumentare la possibilità di un recupero completo.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha