Cinquanta anni di mistero colera risolto

Maggio 30, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Per 50 anni gli scienziati sono stati dubbi su come i batteri che dà all'uomo il colera riesce a resistere a una delle nostre risposte immunitarie innate di base. Quel mistero è stato risolto, grazie alla ricerca di biologi dell'Università del Texas a Austin.

Le risposte possono aiutare a chiarire la strada a una nuova classe di antibiotici che non chiudono direttamente giù batteri patogeni come V. cholerae, ma invece disattivare le loro difese in modo che i nostri sistemi immunitari possono fare l'uccisione.

Ogni anno il colera affligge milioni di persone e ne uccide centinaia di migliaia di persone, soprattutto nel mondo in via di sviluppo. L'infezione provoca diarrea profusa e vomito. La morte viene da una grave disidratazione.




"Se si capisce il meccanismo, il bersaglio batterico, è molto più probabile che sia in grado di progettare un antibiotico efficace", afferma Stephen Trent, professore associato di genetica molecolare e microbiologia e ricercatore principale dello studio.

La difesa del batterio, che è stato smascherato questo mese negli Atti della National Academy of Sciences, comporta allegando una o due piccole aminoacidi alle grandi molecole, note come endotossine, che coprono circa il 75 per cento della superficie esterna del batterio.

"E 'come se fosse la sua tempra armatura in modo che le nostre difese non possono ottenere attraverso", dice Trent.

Trento dice questi piccoli amminoacidi semplicemente modificare la carica elettrica su tale superficie esterna dei batteri. Si va da negativo a neutrale.

Questo è importante perché le molecole che si basano su di combattere questi batteri, che sono chiamati peptidi antimicrobici cationici (campi), sono carichi positivamente. Essi possono legarsi alla superficie caricata negativamente di batteri, e quando lo fanno, si inseriscono nella membrana batterica e formare un poro. L'acqua poi scorre attraverso il poro nel batterio e schiocca aperto dall'interno, uccidendo i batteri nocivi.

Si tratta di una difesa efficace, che è il motivo per cui questi campi sono onnipresenti in natura (così come uno degli ingredienti principali in over-the-counter unguenti antibatterici come Neosporin).

Tuttavia, quando i campi di carica positiva si scontrano con i neutri batteri V. cholerae, non possono legare. Rimbalzano via, e stiamo lasciato vulnerabile.

V. cholerae può invadere il nostro intestino e li trasformano in una sorta di fabbrica per la produzione di più di colera, nel processo di rendering incapaci di tenuta su fluidi o l'estrazione di sostanze nutrienti sufficienti da ciò che mangiamo e beviamo.

"Ci vuole più o meno sopra le vostre flora normale", dice Trent.

Trent dice che gli scienziati sanno da tempo che il ceppo di V. cholerae responsabile della pandemia di Haiti e altrove è resistente a questi campi. E 'che la resistenza che è probabilmente responsabile, in parte, per il motivo per cui il ceppo attuale spostato il ceppo che è stato responsabile per pandemie precedenti.

"E 'ordini di grandezza più resistente", dice Trent.

Ora che Trent ei suoi colleghi a capire il meccanismo alla base di questa resistenza, essi sperano di utilizzare tale conoscenza per aiutare a sviluppare antibiotici in grado di disattivare la difesa, forse impedendo ai batteri del colera da indurimento loro armature. Se ciò accadesse, i nostri campi potrebbero fare il resto del lavoro.

Trent dice che i benefici di tale antibiotico sarebbero considerevoli. Potrebbe essere efficace contro il colera, ma non solo una gamma di batteri pericolosi che utilizzano difese simili. E perché disarma, ma non uccide i batteri a titolo definitivo, come antibiotici tradizionali fanno, potrebbe richiedere più tempo per i batteri di mutare ed evolversi resistenza in risposta ad essa.

"Se siamo in grado di andare direttamente a questi aminoacidi che utilizza per la protezione contro di noi, e quindi consentire il nostro sistema immunitario innato per uccidere il bug, ci potrebbe essere meno pressione selettiva", dice.

Laboratorio di Trent è ora di screening per i composti che fare proprio questo.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha