Clorofilla può aiutare a prevenire il cancro - ma lo studio solleva altre domande

Agosto 28, 2015 Admin Salute 0 59
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Tuttavia, la clorofilla realtà aumenta il numero di tumori a livelli molto elevati di esposizione cancerogeno.

Oltre a confermare il valore della clorofilla, la ricerca solleva seri dubbi sul fatto che gli studi di laboratorio tradizionali fatto con topi e alti livelli di esposizione tossica stanno fornendo risposte precise a quello che è un vero e proprio rischio per la salute, ciò che non è, e ciò che gli approcci dietetici o farmaceutici sono utile.




I risultati, pubblicati sulla rivista Food and Chemical Toxicology, sono stati fatti utilizzando 12.360 trote arcobaleno come modelli di laboratorio, invece di topi di laboratorio più comuni. Studi roditori sono molto più costosi, costringendo l'uso di un minor numero di campioni e le esposizioni cancerogeno superiori.

"Ci sono prove considerevoli in studi clinici epidemiologici e altri con gli esseri umani che di clorofilla e la sua derivata, clorofillina, può proteggere contro il cancro", ha detto Tammie McQuistan, assistente di ricerca di lavoro con George Bailey, professore emerito del Linus Pauling Institute presso OSU.

"Questo studio, come altri prima di essa, ha rilevato che la clorofilla può ridurre i tumori, fino a un certo punto," McQuistan detto. "Ma a dosi molto alte di una stessa sostanza cancerogena, clorofilla effettivamente fatto il problema peggiore. Questo mette in dubbio il valore di un approccio spesso utilizzato nello studio di composti cancerogeni."

Esperti OSU negli ultimi anni sono diventati pionieri nell'uso di trota iridea come modello per la ricerca biomedica, in parte perché i pesci reagiscono in modi simili a quelli di roditori, ma anche perché gli scienziati possono utilizzare migliaia di loro - invece di decine o centinaia di topi - e fare esperimenti che altrimenti non sarebbero possibili.

In tale contesto, lo studio solleva domande su una premessa fondamentale di molta ricerca medica - esporre un animale da laboratorio di un composto ad alti livelli, osservare il risultato, e prevedere che una quantità proporzionale di quello stesso risultato sarebbe stato presente a bassi livelli di esposizione.

In una parte dello studio, trote sono stati esposti a livelli piuttosto moderati di un noto cancerogeno, ma anche dato clorofilla. Questo ha ridotto il numero di tumori al fegato da 29-64 per cento, e tumori dello stomaco da 24-45 per cento. Ma in un'altra parte dello studio, utilizzando dosi molto elevate e non realistiche della stessa sostanza cancerogena, l'uso di clorofilla causato un aumento significativo nel numero di tumori.

In altre parole, la ricerca tradizionale con un piccolo numero di animali nutriti molto alte dosi di una sostanza cancerogena potrebbe concludere che la clorofilla ha il potenziale per aumentare il rischio di cancro umano. Questo studio, e altre prove e sperimentazioni, conclude esattamente l'opposto.

Ha inoltre rilevato che il meccanismo di protezione di clorofilla è abbastanza semplice - si lega solo con e sequestra cancerogeni all'interno del tratto gastrointestinale fino a quando non vengono eliminati dal corpo. Alle dosi cancerogeno più bassi e tassi di cancro per gli esseri umani, la clorofilla era fortemente protettivo.

"L'assunto centrale di tali esperimenti è che gli effetti di intervento a dose elevata cancerogeno si applicano anche a dosi inferiori cancerogeno", hanno scritto i ricercatori nella loro relazione. "Contrariamente alla consueta ipotesi, i risultati del principale organo bersaglio erano sorprendentemente dipendente dalla dose cancerogena."

Esperti OSU hanno sostenuto che in alcuni studi la trota arcobaleno in grado di produrre meglio, più accurato, i risultati reali rispetto ai modelli tradizionali roditori animali e per gli esseri umani, perché molti più campioni possono essere utilizzati e basse dosi di tossine studiati. Esperimenti fatti con pesce può essere di circa 20 volte in meno e, alla fine, più scientificamente valida, dicono.

"I risultati ottenuti a dosi elevate cancerogeni e le risposte di alta tumorali possono essere irrilevante per intervento umano", gli scienziati hanno detto nella loro conclusione.

Questo lavoro è stato sostenuto dal National Institutes of Health.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha