Coarse Particulate Matter in aria potrebbe essere pericoloso Hearts Of Malati di Asma, ritrovamenti di studio

Aprile 12, 2016 Admin Salute 0 2
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Respirare aria contenente il particolato grossolano, come su strada o polvere di costruzione può causare problemi di cuore per chi soffre di asma e di altre popolazioni vulnerabili, secondo un nuovo studio condotto dalla University of North Carolina a Chapel Hill School of Public Health.

I ricercatori hanno scoperto che nelle persone con asma, un piccolo aumento del particolato grossolano in aria esterna sollevato il colesterolo cattivo e aumenta il numero di globuli bianchi infiammazione legata, tra le altre modifiche.

"Questa ricerca era tutto fatto con i partecipanti allo studio solo di essere fuori e respirare l'aria esterna", ha detto il dottor Karin Yeatts, assistente di ricerca professore di epidemiologia presso la Scuola UNC of Public Health, un membro del Centro UNC di Medicina Ambientale, Asma e polmoni Biologia, e ricercatore principale dello studio. "I nostri risultati indicano che le persone sensibili realmente bisogno di prestare attenzione agli avvisi di inquinamento dell'aria e rimanere all'interno quando l'inquinamento atmosferico è un male. Questo è particolarmente vero per le persone con asma."




Lo studio, pubblicato nel numero di maggio 2007 della Environmental Health Perspectives, è stata una collaborazione tra ricercatori della School of Public Health, la Scuola del Centro di Medicina di Medicina Ambientale, Asma e Lung biologia e la US Environmental Protection Agency (EPA).

Il team ha scoperto che quando chi soffre di asma adulti sono stati esposti a un microgrammo per metro cubo in aumento particolato grossolano nell'aria i loro livelli di trigliceridi sono aumentati di quasi il cinque per cento. Elevati livelli di trigliceridi hanno mostrato di aumentare il rischio di malattia coronarica. La quantità di eosinofili nel sangue studio partecipanti 'aumentato anche 0,16 per cento dopo esposizione ai livelli più elevati di particelle grossolane. Gli eosinofili sono un tipo di globuli bianchi creato dal corpo umano per combattere le infezioni, allergie e malattie come l'asma tra le altre cose. Infine, lo stesso aumento particolato grossolana portato ad una diminuzione tre per cento in una misura della variabilità della frequenza cardiaca, la variazione del battito-per-battito intervalli del cuore. Un cuore sano ha un'ampia variabilità della frequenza cardiaca, mentre è diminuita la variabilità può indicare stress o malattia cardiaca.

Sorprendentemente, non vi era alcuna relazione tra materia grossolana del particolato e soccorso uso di farmaci, i sintomi dell'asma, la funzione polmonare o marker infiammatori delle vie aeree, Yeatts detto. Tuttavia, 10 dei 12 asmatici adulti nello studio stavano prendendo anti-infiammatori farmaci controller per la loro malattia, e nove dei 12 avevano malattia lieve. È possibile che il trattamento anti-infiammatori mitigato gli effetti loro vie aeree, o che gli adulti con asma sono meno sensibili agli effetti di particelle grossolane.

I partecipanti allo studio consisteva di 12 adulti di età compresa tra 21 e 50 con asma persistente tra. Tutti vivevano entro un raggio di 30 miglia di monitor di particolato dello studio, che si trova sul EPA studi sull'uomo strumento presso il campus di Carolina. Ogni partecipante studio ha partecipato a nove visite cliniche: cinque la prima settimana, e quattro distanziati in modo casuale nel corso dei successivi sei a 11 settimane. La raccolta dei dati è avvenuta tra il settembre 2003 e il luglio 2004. Nel corso dello studio, i livelli di aria esterna di particolato grossolano variava tra zero a 14,6 microgrammi per metro cubo e non hanno superato i livelli di sicurezza stabiliti dalla EPA di 150 microgrammi per metro cubo.

Altri autori dello studio includono Lawrence Kupper, Alumni Distinguished Professor di biostatistica presso la Scuola UNC della sanità pubblica; Dr. David Peden, direttore del Centro di Medicina Ambientale UNC, Asma e Lung Biologia; Neil Alexis e Margaret Herbst, UNC Centro di Medicina Ambientale, Asma e Lung Biologia; Erik Svendsen, John Creason, James Scott, Lucas Neas, Robert Devlin e Ronald Williams degli APE; e il dottor Wayne Cascio di Brody School of Medicine di Eastern Carolina University.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha