Cognitive Test, Gender and Brain lesioni possono pronosticare multipla rischio sclerosi progressione della malattia

Maggio 7, 2016 Admin Salute 0 3
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Test cognitivi può aiutare le persone con sclerosi multipla inattiva o benigna (MS) meglio prevedere il loro futuro con la malattia, secondo uno studio pubblicato nel 29 Luglio 2009, numero in linea di Neurology. Genere e cervello lesioni possono anche determinare il rischio di progressione della SM anni dopo la diagnosi.

Per definizione attuale, le persone con SM benigna sono quelli che rimangono "pienamente funzionante" dopo 15 o più anni dall'esordio della malattia. Tuttavia, le persone con SM benigna a volte sviluppano attività di malattia rinnovata o la progressione, e possono avere sintomi gravi.

Per lo studio, i ricercatori hanno esaminato il cognitivo risultati dei test e scansioni del cervello di 63 persone con SM benigna durante un periodo di cinque anni. Di questi, 43 erano donne e 20 erano uomini.




I test cognitivi inclusi memoria verbale e visiva, attenzione, concentrazione e la velocità con cui il partecipante elaborato informazioni. Scansioni del cervello hanno rivelato il numero di lesioni associate alla MS sul cervello della persona. Follow-up esami neurologici sono stati fatti ogni sei mesi.

Lo studio ha rilevato che quasi il 30 per cento delle persone con SM benigna notevolmente peggiorata nel corso di cinque anni. Le persone che hanno fallito più di due test cognitivi (su 10 totale) sono stati il ​​20 per cento più probabilità di progredire nel corso del tempo. Uomini con SM benigna sono stati quasi tre volte più probabilità di successive segni esperienza di SM rispetto alle donne. Le persone con più lesioni cerebrali rilevate su scansioni sono stati anche maggiori probabilità di sviluppare segni della malattia.

"I nostri risultati suggeriscono fortemente che il sesso, lo stato cognitivo di una persona e la quantità delle lesioni sul cervello sono fattori importanti per predire la progressione MS", ha detto l'autore dello studio Maria Pia Amato, MD, con l'Università di Firenze in Italia. "Il nostro studio mette in evidenza l'importanza di test cognitivo persone con SM benigna che sembrano essere in buona salute. Questa informazione potrebbe essere importante in sartoria trattamento del paziente."

Lo studio è stato sostenuto dalla Associazione Italiana Sclerosi Multipla.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha