Collaborazione Per utilizzare Proteomica di svelare i misteri di malattie cardiache

Maggio 23, 2016 Admin Salute 0 4
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

DURHAM, NC - Ricercatori della Duke University Medical Center; GeneProt, Inc., Ginevra, Svizzera; e Novartis Pharma AG, Basel, Switzerland hanno lanciato una collaborazione per identificare in che modo le proteine ​​prodotte dai pazienti con malattie cardiache differiscono da quelli di persone sane. La loro ricerca, che utilizza un approccio su scala industriale per l'analisi delle proteine ​​e insolitamente grandi volumi di sangue, potrebbe fornire informazioni che porta a nuovi farmaci o altri trattamenti per la malattia coronarica.

I ricercatori confronteranno i campioni di sangue di pazienti con malattie cardiache e le persone normali per rilevare sottili differenze nelle proteomi dei due gruppi. Il proteoma comprende il numero totale di proteine ​​in un organismo, quanto un genoma comprende suoi geni.

"Questo studio è un nuovo approccio per svelare i misteri di No. 1 problema di salute del mondo", ha detto di Duke Chris Granger, un cardiologo presso l'Duke Clinical Research Institute e portare Duke investigatore per lo studio.




"Anche se il sequenziamento del genoma umano è stato annunciato come uno dei più grandi successi della scienza, gli studi come questo sono fondamentali per determinare come il codice della vita produce le proteine ​​specifiche che svolgono un ruolo nella malattia di cuore", ha continuato Granger.

"Questo importante progetto unisce le funzionalità sofisticate di GeneProt in tecnologie di proteomica, bioinformatica e la sintesi delle proteine ​​ai fenotipi squisitamente dettagliate paziente forniti da Databank unico di Duke per le Malattie Cardiovascolari,", ha detto Sandy Williams, MD, decano della Facoltà di Medicina e vice Duke University cancelliere per le questioni di salute della Duke University Medical Center. "Credo che questa collaborazione tra Novartis, GeneProt e Duke University, sotto la guida di Chris Granger, è un modello per le relazioni accademico/settore che potranno beneficiare i nostri pazienti nel prossimo decennio".

Per assemblare gruppi di confronto ideale con e senza malattia coronarica, il team di ricerca ha cercato attraverso le decine di migliaia di pazienti inseriti in banca dati di Duke per le malattie cardiovascolari, - database basato cateterizzazione-il più grande del mondo e più longeva cardiaco - per selezionare 241 i pazienti che soddisfacevano i criteri specifici ,. Dopo aver fatto corrispondere tali caratteristiche come sesso, età ed etnia, si restrinsero il gruppo ulteriormente a 53 persone, che abbinati a stretto contatto con 53 individui sani. Poi hanno raccolto il sangue da tutti i partecipanti e si è conclusa con un totale di sei litri per ogni gruppo.

"E 'necessario utilizzare grandi volumi in modo da avere una quantità sufficiente di tali proteine ​​presenti a concentrazioni molto basse - si tratta di mettere in comune, che serve anche a diluire le differenze normali con verificano tra individui estranei al processo di malattia", ha detto Keith Rose, Ph.D., direttore scientifico per GeneProt.

GeneProt completi l'analisi delle proteine ​​più piccole ed è ora analizzando le proteine ​​più grandi campioni. Le proteine ​​che sono presenti in un campione, ma non l'altro, o che sono presenti in quantità molto diverse, sono suscettibili di essere associati con il processo di malattia e potrebbero essere candidati promettenti per ulteriori indagini, secondo Granger.

"Questa è la prima volta che in profondità analisi proteomica è stato affrontato su scala di molti litri di plasma, che è superiore a 1.000 volte più di solito è usato", ha detto Rose. "Questo consente l'identificazione di proteine ​​in bassa concentrazione che possono essere nuovi e importanti fattori che causano la malattia."

GeneProt poi sintetizza le proteine ​​interessanti più piccoli, e Novartis li metterà alla prova in ulteriori studi.

"Abbiamo analizzato oltre 25.000 frazioni nella nostra analisi delle piccole proteine ​​e hanno consegnato Novartis diverse versioni del database di proteine", ha detto Rose. "Alcune nuove proteine ​​interessanti sono già stati sintetizzati, che conferma la nostra visione di un approccio di proteomica su scala industriale."

Granger ha alcun interesse finanziario in uno o GeneProt Novartis.

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha