Collegamento genetico al rischio di cancro alla prostata in afroamericani trovati

Maggio 30, 2016 Admin Salute 0 4
FONT SIZE:
fontsize_dec
fontsize_inc

Il cancro della prostata negli uomini afro-americano è associata a cambiamenti specifici nel gene IL-16, secondo i ricercatori della University of Illinois a Chicago College of Medicine.

Lo studio, pubblicato online sulla rivista Cancer Epidemiology, Biomarkers & Prevention, stabilisce l'associazione di IL-16 con cancro alla prostata negli uomini sia di origine africana ed europea.

"Questo ci fornisce un nuovo biomarcatore potenziale per il cancro della prostata", spiega il ricercatore principale Rick Kittles, UIC professore associato di medicina in ematologia/oncologia.




Cambiamenti precedentemente identificato nel gene per IL-16, una proteina del sistema immunitario, sono stati associati con il cancro alla prostata negli uomini di discendenza europea. Ma le stesse modifiche in sequenza codificata del gene - chiamati "polimorfismi" - non conferiscono lo stesso rischio in afro-americani.

Il dubbio è stato lanciato sul ruolo di IL-16 nel carcinoma della prostata quando i ricercatori sono stati in grado di confermare che le IL-16 polimorfismi individuati in bianchi erano anche importanti fattori di rischio in afroamericani, Kittles detto.

Kittles e colleghi hanno utilizzato una tecnica chiamata di imputazione - di un tipo di estrapolazione statistica - che ha permesso loro di vedere nuovi modelli di associazione e di individuare nuovi posti nel gene per cercare polimorfismi. Hanno trovato i cambiamenti altrove nel IL-16 gene che sono stati associati con il cancro alla prostata e che erano uniche per gli afro-americani.

I polimorfismi risultato di mutazioni del DNA ed emergono nella storia ancestrale di diverse popolazioni. Le persone di origine africana sono molto più geneticamente diversi rispetto ai bianchi, Kittles ha detto, rendendo la ricerca di polimorfismi associati alla malattia più difficile.

Sebbene l'effetto di particolari modifiche al gene sembra essere diversa negli uomini di African contro discendenza europea, è probabile che molti dei polimorfismi nel gene alterare la funzione della proteina IL-16.

"Questo conferma l'importanza di IL-16 nel cancro della prostata e ci conduce in una nuova direzione", ha detto Kittles. "Molto poca ricerca è stata fatta su IL-16, quindi non si sa molto su di esso."

"Ora abbiamo bisogno di esplorare il ruolo funzionale di IL-16 per capire il ruolo che sta giocando in cancro alla prostata", ha detto.

Ken Batai, studente laureato presso l'Istituto UIC di genetica umana, è stato il primo autore dello studio. Altri autori sono stati Ebony Shah, Jennifer Newsome, e Maria Ruden dell'Istituto UIC di genetica umana; Adam Murphy della Northwestern University; e Chiledum Ahaghotu di Howard University Hospital di Washington, DC

Lo studio è stato sostenuto da sovvenzioni dal Dipartimento della Difesa (DAMD W81XWH-07-1-0203) e National Cancer Institute/National Institutes of Health (RC2-CA148085-01 e U01-CA136792-02S1.)

(0)
(0)

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Aggiungi un commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Caratteri rimanenti: 3000
captcha